Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Agenzia Area in sciopero per 7 giorni: giornalisti senza stipendio da 7 mesi

I giornalisti della redazione dell'agenzia radiofonica Area, dipendenti di Area Ag. s.c.p.a. e dipendenti di Audionews Regioni s.r.l, hanno indetto uno sciopero di 7 giorni, dal primo giugno a domenica 7 giugno, per denunciare il progressivo aumento dei ritardi retributivi.
Sette giorni di sciopero per sottolineare la mancanza di sette mensilità di stipendio. In un comunicato, i colleghi di Area, hanno spiegato così i motivi della protesta: "Estendendo la lotta per il ripristino di una situazione di legalità retributiva, stigmatizzano l'assenza di proposte concrete e plausibili da parte delle aziende, nonostante la disponibilità fornita da tempo, e ancora attuale, a considerare soluzioni in grado di affrontare le crisi aziendali che facciano leva sugli ammortizzatori sociali disponibili". Con lo sciopero, i giornalisti di Area vogliono ribadire con forza: "Il lavoro si paga. Senza retribuzione non è occupazione non è impresa". (Askanews)
04/06/2015 08:23
 
NOTIZIE CORRELATE
Prosegue spedita l’intenzione del Governo di indire un bando di gara europeo per l’affidamento dei servizi giornalistici e informativi della Presidenza del Consiglio alle agenzie di stampa.
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.