Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria "assistita", continua maxi operazione GdF con perquisizioni e sequestri in Lombardia ed Emilia-Romagna. Tre arrestati e una ventina gli indagati
E' partita nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza di Cremona una maxi indagine sulla cosiddetta editoria 'assistita', ossia su quelle testate gestite da cooperative che percepiscono il contributo dello Stato.
Sono fondi che, per l'accusa, sarebbero invece stati usati in maniera illecita. Le persone indagate sono una ventina e tre sono state raggiunte da misure cautelari. All'alba di martedì perquisizioni e sequestri sono stati eseguiti nelle redazioni e nelle sedi amministrative di quotidiani e televisioni in Lombardia e in Emilia-Romagna dove sono state controllate alcune testate che fanno capo al Gruppo Spallanzani, che ha sede a Reggio Emilia. A Cremona e' stata ispezionata la sede amministrativa del quotidiano Cronaca, di Radio Onda Verde srl e della immobiliare Il Torchio che si trovano nell'immobile di via Gramsci. Misure cautelari sono state prese nei confronti dell'amministratore delegato della Cooperativa Nuova Informazione proprietaria di Cronaca, M.B.B. e della moglie R.S. L'ipotesi di accusa formulata dal sostituito procuratore del tribunale di Cremona, Cinzia Piccioni, titolare della maxi indagine sull'impiego dei contributi statali, e' di truffa aggravata ai danni dello Stato. La terza persona interessata dalla misure cautelari e' il ragioniere commercialista che tra i suoi clienti aveva il quotidiano Cronaca. L'inchiesta ha riguardato anche i quotidiani che fanno capo al Gruppo Spallanzani: perquisizioni e sequestri sono stati fatti all'Informatore di Parma, all'Informazione di Reggio Emilia, all'Informatore di Bologna, nelle sedi di televisioni e radio del Gruppo stesso. Secondo l'accusa, gli indagati, attraverso un gioco di fatturazione, avrebbero percepito piu' contributi del dovuto dallo Stato e poi li avrebbero utilizzati non per il mantenimento e lo sviluppo delle loro testate giornalistiche. Il Gruppo editoriale Spallanzani ha confermato con una una nota che ''la Guardia di Finanza, su ordine della procura di Cremona, ha ispezionato gli uffici de 'L'Informazione' nell'ambito di un'indagine che riguarda gli accessi ai contributi statali per l'editoria''. I finanzieri, a quanto si e' appreso, hanno raccolto documentazione relativa all'inchiesta nell'abitazione del manager del gruppo G.M. e negli uffici del proprietario N.S. ''I legali del gruppo sono sicuri di riuscire a dimostrare la piena regolarita' dell'operato del gruppo - ha spiegato l'editore con un comunicato - e intendono agire in ogni sede per tutelare i soggetti coinvolti''. Preoccupati invece i dipendenti che in una nota hanno fatto sapere che "I redattori, i collaboratori e i poligrafici della Cronaca di Cremona in merito all´indagine della Guardia di Finanza che coinvolge anche la società Nuova Informazione che edita il quotidiano La Cronaca prendono in maniera netta le distanze dall´operato dell´amministratore delegato. Allibiti dal quadro che sta emergendo esprimono grande preoccupazione per la situazione occupazionale e per le possibili evoluzioni future. Auspicano che al più presto venga fatta chiarezza e nel frattempo, a tutela della loro immagine e della loro onorabilità professionale, si riservano di agire nelle sedi più opportune". (fonte ANSA e FNSI)
26/12/2010 17:13
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.