Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria: aziende europee, garantire equa concorrenza. Parità trattamento in risultati della ricerca per la crescita sostenibile
In occasione dell'Assemblea Generale di Enpa (l'associazione europea degli editori di quotidiani), svoltasi oggi a Roma presso la Fieg, gli editori europei di giornali hanno adottato una risoluzione chiedendo all'Unione europea e ai governi nazionali di riconoscere che equa concorrenza e parità nei risultati di ricerca sono condizioni essenziali per un florido mercato dei media.
Gli editori di tutta Europa - informa una nota – hanno espresso le loro preoccupazioni per il fatto che la Commissione europea sembra voler concludere l'indagine Ue antitrust contro Google, nonostante le ultime proposte di Impegni presentate dal motore di ricerca non pongano fine all'abuso di posizione dominante realizzato nel mercato digitale. Gli editori europei di giornali chiedono - prosegue la nota - "che vengano adottati uguali criteri di ricerca e di visualizzazione per tutti i siti web, compresi i servizi di Google. Finora, le proposte di Impegni presentate da Google per risolvere l'indagine Ue antitrust non pongono fine né all'uso non autorizzato dei contenuti di terzi né tanto meno alla palese discriminazione realizzata nella classifica dei risultati di ricerca". "Se la Commissione europea dovesse legittimare le attuali attività anticoncorrenziali di Google - afferma il presidente di Enpa, Ivar Rusdal -, sarebbero gravemente compromessi il futuro sviluppo e la sostenibilità del settore della stampa digitale in Europa. In questo dibattito sono in gioco i principali valori europei come la libertà di stampa e l'accesso dei cittadini ai diversi mezzi di comunicazione". Nella risoluzione, i delegati alla Assemblea Generale di Enpa hanno anche chiesto adeguate condizioni legislative ed economiche nel mercato digitale, fra cui il rispetto del diritto d'autore e la riduzione dell'Iva per le pubblicazioni digitali. "Libertà di stampa e pluralismo - sostiene il Presidente della Fieg, Giulio Anselmi - sono possibili solo con imprese editrici libere ed economicamente sane, che operino in un contesto di regole di mercato: rafforzare l'effettività della tutela del diritto d'autore in Internet e consentire l'applicazione di aliquote Iva ridotte ai contenuti editoriali accessibili su diverse piattaforme significa rafforzare le imprese stesse, la loro economicità e la loro capacità di sviluppare e sperimentare nuove forme di comunicazione multimediale". (ANSA)
14/05/2014 16:12
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.