Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Boom news a pagamento: 500mila abbonati al NYT. E ora solo 10 restano gratis
Il paywall funziona. E allora il più grande quotidiano del mondo, il 'New York Times', taglia della metà gli articoli free sul suo portale da oltre 35 mln di utenti al mese.
I lettori che cliccano sugli articoli in libera consultazione, avranno la possibilità di leggerne solo 10, e non più 20, dal prossimo primo aprile. Poi potranno scegliere tra le tante offerte del gruppo editoriale. Abbonamenti che partono da 15 dollari al mese, diversificandosi per chi legge in NYT su dispositivi mobile, oppure sull'Ipad, o sul pc, o ancora sui tablet. Oppure tra chi fruisce solo dell'online o anche del cartaceo digitale. A spingere per una ulteriore riduzione delle news gratis il successo del paywall, la formula di business adottata nel marzo del 2011, che ha portato il quotidiano liberal della Grande Mela, a vendere anche l'edizione online, con pacchetti di abbonamenti mensili, dicendo basta alle news gratis, fino a quel momento quasi un dogma: perché così - sostenevano i più - funziona sul web. Una scelta che gli analisti hanno giudicato rischiosa: un salto nel buio, con tante voci critiche anche tra i blogger. Ma ora si tirano le prime somme, e sembra che invece al NYT abbiano fatto la scelta giusta. Se è vero che i quotidiani tradizionali, a livello globale, perdono ogni giorno copie e che gli introiti pubblicitari sono sempre più ridotti, il numero di abbonati per il NYT online (e l'International Herald Tribune che fa parte del gruppo) ha raggiunto infatti quota 454 mila. Ridando speranza a chi proprio in questi giorni ha letto lo studio dell'Università del Michigan che indicava come i ricavi pubblicitari dei quotidiani sono in caduta libera, toccando nel 2011 quota 20,7 mld di dollari, leggermente sopra al record negativo di tutti i tempi, i 19,5 mld del 1951. "L'anno scorso - ha detto Arthur Sulzberger Jr, il presidente e Ad a capo del 'The New York Times Company'- è stato un anno di trasformazione per il Times quando abbiamo iniziato a far pagare per l'accesso digitale ai nostri contenuti". "Oggi - ha svelato, rivolgendosi soddisfatto ai giornalisti - quasi mezzo milione di persone pagano per i contenuti digitali tra del Times e IHT". (Adnkronos)
23/03/2012 18:27
 
NOTIZIE CORRELATE
Che la carta stampata stia attraversando un periodo di forte crisi non è una novità. I nuovi dati ADS (Accertamenti Dati diffusione Stampa) relativi al mese di dicembre 2016 e messi a confronto con quelli di dicembre 2015 evidenziano però una notevole caduta in termini di diffusione media, con riferimento sia all’Italia che all’Estero.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
I diritti derivanti dalla libertà di stampa sancita dalla Costituzione, valgono anche per i periodici online che, dunque, non posso essere sequestrati in caso di notizie diffamatorie, al pari dei loro equivalenti cartacei.
Gennaio rivela dati positivi per il mondo del web, soprattutto nel comparto mobile che continua a prevalere sul fisso; inoltre, i portali di news tornano a crescere esplicitando la possibilità per il mondo editoriale di uscire dalla crisi a patto di sfruttare opportunamente il mezzo.