Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Cairo Communication: ricavi stabili nel semestre. Raccolta tv a 75,5 mln di euro (+2%)

Il primo semestre 2016 di Cairo Communication è stato chiuso con ricavi consolidati lordi pari a 133,5 mln, in linea rispetto al primo semestre 2015 (133 mln).
Il margine operativo lordo (Ebitda) ammonta a 7,9 mln (da 8,1 mln), mentre il risultato operativo (Ebit) ammonta a 3,1 mln (da 4,5 mln). In flessione il risultato netto, che passa dai 5,5 mln del primo semestre 2015 a 4 mln. Per quanto riguarda il settore tv (La7), l’Ebitda torna positivo a 47 mila euro, dopo la perdita di 1,5 mln nel primo semestre 2015. È negativo l’Ebit, per un -4,1mln (-4,3mln nel semestre 2015). La raccolta adv lorda su La7 e La7d è stata di circa 75,5 mln di euro (+2%). Nella giornata di ieri Urbano Cairo è stato nominato presidente e amministratore delegato di Rcs, ottenendo tutte le deleghe operative relative all’ordinaria amministrazione della società. Con lui, entrano anche Stefania Petruccioli e Marco Pompignoli. I nuovi ingressi in cda sono stati resi possibili dalle dimissioni del presidente di Rcs, Maurizio Costa, dell’amministratore delegato Laura Cioli e del consigliere indipendente Gerardo Braggiotti. «Il Consiglio esprime apprezzamento per la decisione di Maurizio Costa, Laura Cioli e Gerardo Braggiotti di rinunciare al proprio mandato, assunta nell’interesse di assicurare a RCS MediaGroup una rapida e agevole transizione verso un Consiglio di Amministrazione che possa adeguatamente rappresentare la mutata compagine sociale, assicurando la presenza di una maggioranza di consiglieri indipendenti, a tutela dell’interesse degli azionisti di minoranza e del mercato in generale», si legge nella nota del gruppo. A Laura Cioli verrà corrisposta una somma lorda pari a 3,75 mln di euro. (E.G. per NL)
04/08/2016 17:21
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Tempi d’oro per Urbano Cairo e la sua La7, che godono dei risultati derivanti dall’aver scommesso sull’informazione e l’approfondimento politico nel disegnare il proprio palinsesto.
Un ottobre d’oro per Canale 5 che, con uno share nelle 24 ore del 16,80%, supera Rai 1 (15,8%) grazie ad alcune prime serate di successo (come il Grande Fratello Vip) e al palinsesto nella fascia pomeridiana.