Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Caltagirone: conti 2013 in negativo
Il gruppo presieduto da Francesco Gaetano Caltagirone ha chiuso il 2013 con una perdita netta pari a 75,4 milioni, contro il rosso di 61 mln che registrava al 31 dicembre 2012.
Chiusura dell’anno in negativo per la società: i ricavi sono ammontati a 181,5 milioni di euro (con un -7,1% rispetto ai 195,5 milioni del 2012). Male anche per il margine operativo lordo che ha subito un crollo di 1,2 milioni di euro, migliore - nonostante tutto - del dato registrato il 31 dicembre 2012, quando i milioni di euro persi furono 16,2. Per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria sui quotidiani del gruppo, il calo è stato pari al 13,3%, più contenuto rispetto al mercato (-19,4%). Ridotta invece la flessione pubblicitaria sui soli giornali a pagamento (Il Messaggero, Il Gazzettino, Il Mattino, e i due quotidiani locali Corriere Adriatico, Nuovo Quotidiano di Puglia), che è stata del 12,1%. Va meglio su internet, dove le inserzioni hanno il segno positivo davanti (+35,9%), pur a fronte del dato di mercato a -1,8%. Aumentano anche gli utenti unici mensili on line, registrando un +63,3%. I dati sono stati resi noti da Caltagirone Editore al termine della riunione del Consiglio di Amministrazione che ha esaminato il bilancio relativo all’esercizio 2013, proponendo l’attuazione di un piano di azione che non contempla la distribuzione dei dividendi. Il settore, come ha sottolineato l’azionista di maggioranza Francesco Gaetano Caltagirone, “resta caratterizzato da una forte incertezza, legata soprattutto all’andamento del mercato pubblicitario, che non permette di formulare previsioni puntuali per il breve periodo. In questo contesto il gruppo sta continuando ad attuare una rigorosa politica di controllo e di riduzione dei costi”. (V.R. per NL)
 
13/03/2014 13:43
 
NOTIZIE CORRELATE
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Sono partite le trasmissioni di una nuova stazione radiofonica romana: Radio Sonica, in onda nella capitale su FM 90,700 MHz e naturalmente su piattaforma digitale webcasting (www.radiosonica.it).
Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all'opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.
“Il digitale sta cambiando in profondità l’industria editoriale, ma non esistono soluzioni standard né business consolidati. Le culture sono diverse, le economie sono differenti. E i ricavi vengono ancora per il 90% dalla carta”.
Non si riprende la pubblicità sulla carta stampata, che a marzo registra un ulteriore calo del -4,4%. Il bilancio mensile negativo emerge dai dati dell’Osservatorio Stampa Fcp relativi di marzo raffrontati con il corrispettivo 2015.