Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria: chiude il Corriere del Giorno di Taranto
La crisi dell'editoria miete un'altra vittima. Da oggi non è più né in edicola né in rete il Corriere del Giorno, storico quotidiano fondato a Taranto nel 1947, attualmente in liquidazione coatta a causa di una pesante situazione debitoria.
Nel corso degli anni il quotidiano cambiò denominazione prima in Corriere del Giorno Nuovo e poi, nel 1985, in Corriere del Giorno di Puglia e Lucania dopo che la testata giornalistica venne rilevata dalla Cooperativa 19 Luglio, formata dai 18 giornalisti e poligrafici nelle vesti di soci e editori. Il commissario liquidatore della cooperativa editrice, nominato dal ministero dell’Economia, aveva già comunicato la cessazione delle pubblicazioni, a partire dal 9 gennaio 2014, e l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo, ma poi era stato concesso il regime dell’esercizio provvisorio, interrotto prima della scadenza naturale. Nel suo ultimo editoriale il direttore Gianni Svaldi ha scritto che: "Il commissario liquidatore nell’impossibilità di far quadrare i conti dell’esercizio provvisorio, ha deciso di anticipare di circa due mesi la scadenza fissata per giugno. Se questa, però, è la fine o meno della testata storica di Taranto al momento nessuno può dirlo. Di certo, dipendenti della Coop.19 luglio, giornalisti e poligrafici, stanno tentando con grande sforzo di rilevare la testata”. (R.R. per NL)
 
31/03/2014 06:45
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
La situazione di crisi dell’emittenza televisiva locale, già grave per l’aumento dei costi di gestione conseguenti alla “ingiusta e discutibile” revoca dei diritti d’uso delle frequenze che il MISE ha operato in tutta Italia e che ha raggiunto il suo apice sulle regioni della fascia adriatica, con in testa la Puglia (in cui ha revocato 12 frequenze su 18), ora è ulteriormente aggravata per il ritardo dei pagamenti dei contributi relativi al bando 2015 (e siamo già a marzo 2017) e per la mancata emanazione dei bandi relativi agli anni 2016 e 2017.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".