Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Dati Mediobanca: margini editoria 2008-2015 in picchiata

Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all'opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.
Il rovinoso crollo dal 2008 al 2015 è stato del 95,7%, percentuale che lascia veramente poco spazio all’immaginazione. L’analisi del Centro studi di Mediobanca sulle 2060 società italiane industriali e terziarie di grandi e medie dimensioni mostra con chiarezza quanto siano lontani i margini del pre crisi (i massimi nel 2007): -32% per le 2060 imprese e -19,1% la manifattura. Segno più solo per le medie imprese (+4.6%) e il made in Italy (+2.8%). Anche per quanto riguarda il fatturato, i ritardi più evidenti dal 2008 si concentrano ancora sull’editoria, in calo del 38,5%. Le vendite delle attività con sede in Italia delle 2.060 società hanno segnato nell’anno precedente una contrazione dell’1,3%, terza variazione consecutiva in senso negativo. La contrazione del 2015 replica sostanzialmente quella del 2014 (-1,5%), ma è inferiore a quella del 2013 (-2.3%). In ultimo la forza lavoro: dal 2008 è fuoriuscita in misura maggiore dal settore ancora dalla stampa e editoria (-23,1%), oltre che dai prodotti per l’edilizia (-25,4%), dalla produzione di elettrodomestici e dal tessile. Per quanto concerne l’emittenza radiotelevisiva, poi, nel 2015 sul 2014 il fatturato è risultato pressoché invariato, con + 0,1% dopo quattro anni in negativo, considerando che si è trattato del primo anno dal 2011 in cui il settore non ha subito riduzioni. Se si allarga la prospettiva soffermando lo sguardo sulla variazione dal 2008 in poi, il calo è stato del 12,2%. In generale, secondo quanto emerge dallo studio, su tutti i settori sono in aumento gli investimenti che nel 2015 sono cresciuti del 7,9%, con un boom del terziario (+26,4%), seguito dalle estere (+5.9%) e dalla manifattura (+4,8%), con il pubblico (+8,1%) che batte il privato (+7,8%). Nel segmento manifatturiero la ripresa degli investimenti ha comportato un aumento della produttività (+6%) superiore a quello della crescita del costo del lavoro (+2,8%). Risultato raggiunto negli anni precedenti soprattutto attraverso tagli occupazionali (-0,6%), ora anche con l’aumento degli investimenti, che restano comunque del 19% inferiori rispetto al 2008. (S.F. per NL)
20/08/2016 11:41
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.