Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. De Benedetti (L'Espresso): Google deve far paura a tutti
 
A nome degli editori di tutto il mondo, Carlo De Benedetti lancia da Torino un grido d'allarme alle istituzioni, a cominciare dal Parlamento Europeo: "Google fa paura. Non a me, ma a tutti. Stiamo attenti, perché con le oligarchie digitali è a rischio la democrazia".
Il presidente del gruppo editoriale L'Espresso ha chiuso in questi termini il World Newspaper Congress, il forum mondiale dell'editoria, che ha visto riuniti a Torino i rappresentanti dei più importanti giornali del globo. Aperto dal presidente di Fiat-Chrysler, John Elkann, il Forum 2014 dell'associazione mondiale degli editori di giornali, la Wan-Ifra, è durato tre giorni. Ed è stato chiuso oggi da De Benedetti, che nel suo "key note address" ha lanciato a nome degli editori di tutto il mondo questo allarme: "Non c'è gruppo editoriale che possa reggere il confronto con Google. Perché Google, e le poche società analoghe che operano nel mondo, non sono soggetti ad alcun tipo di regola. Abbiamo tutti paura di Google, non solo io". Oggi, nella cosiddetta 'digital erà, a farla da padrona è una "oligarchia digitale". Lo fa, evidentemente, in termini globali, perché questa è la dimensione naturale della "digital era". "Ma - ha sottolineato De Benedetti - la più grande società editoriale al mondo non può competere con soggetti come Google. I quali non sono considerati soggetti editoriali ma, di fatto, condizionano tutta l'informazione mondiale". Se è vero che una "sana competizione editoriale" è stata utile alle democrazie,allora è vero che - di fronte a Google - la democrazia del mondo si trova di fronte a un problema. "Non siamo di fronte a quella che si può definire una sana concorrenza - ha sottolineato De Benedetti -. Siamo di fronte a qualcosa di nuovo, che chiama necessariamente in causa la politica". Google non è solo "un'azienda straordinaria", un colosso dal punto di vista economico con 50mila dipendenti a tempo pieno, un fatturato pari a 15,4 miliardi di dollari, 180 domini, 70 uffici in 40 Paesi e 130 lingue parlate. Google è qualcosa di più. Perché attraverso il suo motore di ricerca globale condiziona l'informazione mondiale. "Utilizzano quel sistema straordinario che è il loro motore di ricerca per fare pubblicità, e questo non è corretto. Le due cose devono essere separate. Ci auguriamo che il nuovo Palamento Europeo tenga conto di tutto ciò". Secondo De Benedetti, "servono regole". Serve un impianto Antitrust rigoroso e sovranazionale, capace di tutelare i cittadini, in nome della correttezza e della trasparenza dell'informazione. "Penso per esempio a un sistema diverso di proprietà; oppure a un cambiamento del sistema di ricerca che vieti la raccolta dati. E in ultima analisi non si capisce per quale motivo queste società non paghino le imposte nel Paese in cui fanno utili importanti". (ANSA)
13/06/2014 07:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
L’Autorità Garante della Concorrenza ha deciso di avviare un’istruttoria sull’acquisizione del controllo di Italiana Editrice da parte di Gruppo Editoriale L’Espresso.