Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. De Benedetti: stop a spreco soldi pubblici. Contributi sono battaglia retroguardia, redistribuire risorse web
 
"Siamo un Paese a pezzi e non si possono più sprecare soldi pubblici nell'editoria". Così Carlo De Benedetti, editore del gruppo l'Espresso, parlando di editoria digitale all'Internet Festival di Pisa, chiede lo stop del finanziamento pubblico ai giornali".
"Conosco cooperative che vendono 5 mila copie e ricevono contributi di 3 milioni di euro dallo Stato. Questo è sbagliato. Noi non riceviamo un soldo e sarebbe giusto che fosse così anche per gli altri. I partiti devono pagarsi i propri giornali e le cooperative dovrebbero riuscire a stare sul mercato". Continuare a parlare di contributi statali è, secondo De Benedetti, "una battaglia di retroguardia: in Italia ci sono già le leggi che disciplinano le concentrazioni editoriali e non esiste un problema di pluralismo". L'editore pensa anche che web e carta "non siano alternativi": "È il mercato a fare la differenza: per chi, come nel caso di Repubblica.it, il sito più visitato in Italia, ha numeri importanti non c'è un problema di reperimento pubblicitario". Semmai occorre ragionare su ampia scala sui nuovi media per "non penalizzare gli editori che producono contenuti giornalistici". "Nell'universo digitale - spiega De Benedetti - l'informazione, come la musica e l'intrattenimento, viene considerata da molti una commodity a basso o nessun prezzo. Mentre restano altissimi i costi a carico di chi quell'informazione la confeziona giorno dopo giorno. La questione del finanziamento dell'informazione è centrale. Stanno esplodendo i ricavi di motori di ricerca, aggregatori, social network che usano i prodotti del lavoro giornalistico altrui per attrarre utenti che vengono immediatamente valorizzati grazie alla distribuzione di pubblicità in modo mirato, come fa Google che raccoglie in Italia circa 800 milioni di euro ogni anno, oppure per mettere in contatto fra di loro centinaia di migliaia di persone come fa Facebook. Per non squilibrare in misura non recuperabile la situazione, bisogna intervenire rapidamente con norme che ridistribuiscano le risorse correttamente rispetto agli investimenti per la costruzione dei contenuti". L'editore oggi ha debuttato come blogger sull'Huffington Post: "Il digitale non è solo un 'nuovo mezzo che sta sostituendo in parte o in toto altri mezzi (carta, tv eccetera): è un universo che vive secondo leggi tanto diverse dal passato quanto la fisica moderna è diversa da quella di Galileo e Newton" .(ANSA)
14/10/2013 16:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.