Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria: è morto "Angelone" Rizzoli. Si è spento al Policlinico di Roma dove era ricoverato. L’ex editore e produttore cinematografico aveva 70 anni
Angelo Rizzoli, l’ex produttore cinematografico coinvolto in numerose vicende giudiziarie è morto a Roma, al Policlinico dove era ricoverato. Lo ha confermato la moglie Melania.
“Mio marito era malato, ma questa vicenda giudiziaria gli ha spezzato il cuore, lo ha sfinito”. Così la moglie di Angelo Rizzoli, Melania de Nichilo, commenta la morte avvenuta ieri sera del marito. Il settantenne produttore cinematografico accusato di bancarotta per un crac da 30 milioni di euro, affetto da una grave forma di sclerosi fin da quando era ragazzo. Nato a Como Nel 1943 era figlio di Andrea Rizzoli, presidente dell’omonima casa editrice, negli anni settanta il primo gruppo editoriale italiano. A 23 anni si laurea in Scienze politiche all’Università di Pavia; ottiene la specializzazione in Media and communications alla Columbia University di New York. Nel 1970 muore il nonno Angelo senior. L’anno seguente “Angelone”, così chiamato per la sua stazza imponente e per distinguerlo dal celebre nonno, entra nel consiglio di amministrazione dell’azienda di famiglia, all’età di 28 anni. Il 12 luglio 1974 il padre Andrea decide di rafforzare la casa editrice acquistando il primo quotidiano italiano, il Corriere della Sera. Acquisendo il Corriere realizza il suo sogno di imprenditore, ma comincia a fare i conti anche con un enorme indebitamento. Proprio alla fine degli anni settanta, Angelo fu arrestato per un’altra storia di bancarotta salvo poi essere prosciolto dalla Cassazione. Al termine di una lunga vicenda giudiziaria, durata sei processi per 26 anni, Angelo Rizzoli, che aveva sposato in prime nozze l’attrice Eleonora Giorgi, ha ottenuto sei assoluzioni definitive con formula piena. Sei mesi dopo l’uscita dal carcere inizia anche la causa di separazione con la Giorgi, per “incompatibilità della vita in comune”. Nei mesi successivi Eleonora Giorgi chiede la metà del patrimonio del marito, valutabile in 400 miliardi di lire. Ottiene 10 miliardi di lire. E dopo un lungo periodo di silenzio, negli anni novanta, Rizzoli riprende l’attività come produttore cinematografico e televisivo. Tra le sue produzioni, “Padre Pio” con Sergio Castellitto, “Incompreso”, “Cuore”, “La guerra è finita” e “Le ali della liberta” con Sabrina Ferilli. (ANSA)
12/12/2013 16:43
 
NOTIZIE CORRELATE
Il management di RCS MediaGroup ha sottoposto all’attenzione dell’assemblea dei soci (riunitasi la settimana scorsa per l’approvazione del bilancio 2015) un bouquet di dati che evidenziano nel primo trimestre di quest’anno andamenti migliori di quelli previsti all’avvio del piano industriale.
Dal 27 gennaio il Corriere della Sera introdurrà il metered paywall per il proprio portale online seguendo l’esempio di altre blasonate testate estere. Prevista inoltre una riorganizzazione interna delle redazioni e del cammino seguito dalle notizie.
Con il nuovo piano industriale 2016-2018, il gruppo editoriale italiano ha espresso la volontà di assicurarsi la sostenibilità economica e finanziaria puntando in primis a una forte riduzione dei costi: questo è proprio il primo punto che, secondo le stime, dovrebbe riportare il gruppo in utile, seppur di poco, già nel 2016.
Il CdA di RCS MediaGroup ha esaminato e approvato i risultati al 31 marzo 2015. Nei primi mesi del 2015 si evidenziano modesti segnali positivi sull’economia italiana, anche se le prospettive sono ancora caratterizzate da incertezza, mentre in Spagna continua il trend positivo già evidenziatosi durante il 2014.
Luciano Fontana, attuale condirettore del Corriere della Sera, sarebbe allo stato il favorito per succedere a Ferruccio De Bortoli, il direttore uscente del quotidiano di via Solferino, che lascerà l'incarico a fine mese.