Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria e TV USA, Tribune Co: hedge fund attivista chiede vendita asset, diritti frequenze
L'hedge fund Blue Harbour Group, che partecipa per il 2,5% nel Tribune Company (soggetto che controlla una serie di quotidiani americani, tra cui il Chicago Tribune e il Los Angeles Times, nonché 23 emittenti televisive), sta facendo pressioni sull'editore affinche' porti avanti iniziative strategiche per fare crescere il titolo del colosso dei media.
Le azioni dell'editore non sono quotate sul mercato principale di Wall Street, ma tra gli Otc (over the counter). Come riporta il Wall Street Journal, Clifton Robbins, numero uno di Blue Harbour, ha privatamente chiesto al management di Tribune di vendere una serie di attivita', tra cui gli asset immobiliari e i diritti sulle frequenze in mano alle proprieta' broadcast. Blue Harbour ha comunque reso noto di sostenere la squadra manageriale della societa', compreso l'amministratore delegato Peter Liguori e il presidente Bruce Karsh. Tribune, che e' nel mezzo dello scorporo delle attivita' legate ai quotidiani e secondo indiscrezioni sta esplorando anche la possibilita' di vendere, e' emersa dall'amministrazione controllata alla fine del 2012. (G.O. per NL)
25/02/2014 08:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.