Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria francese contro Google. Entro la fine del 2010 notizie fuori dal motore di ricerca
Ai francesi piace fare le cose da sé. Infatti, mentre i paesi di mezza Europa hanno scelto di intraprendere vie legali con ricorsi all’Antitrust per combattere l’appropriazione indebita di contenuti da parte del gigante di Mountain View, gli editori d’Oltralpe hanno optato per una strada di coesione piuttosto patriottica e finalizzata a condurre una battaglia sostanzialmente diversa, ma con fini analoghi agli altri paesi dell’Unione.
In sostanza, entro fine 2010, i giornali francesi potrebbero sottrarre i propri contenuti a Google, rimanendo uniti sotto un altro motore di ricerca: uno francese, di nuova creazione, dedicato esclusivamente a tutti gli editori che volessero impegnarsi nella monetizzazione dei propri contenuti e nella proposta di nuovi abbonamenti, anche trasversali, per la consultazione delle notizie dei principali quotidiani (non è ancora noto il nome, ma pare che il progetto abbia già preso forma e si avvia verso la conclusione). Così veniva riportato, solo due giorni fa, sul quotidiano Les Echos, nel cui articolo si inneggiava all’unione che, in questo caso, potrebbe fare la forza degli editori francesi. Google, del resto, ha creato non pochi problemi nell’ultimo biennio ai più grossi quotidiani europei e internazionali. Anche se, in qualche modo, sembra che stia tentando di rimediare con Newspass, un sistema integrato di notizie a pagamento provenienti da diverse fonti, che dovrebbe aiutare gli editori a monetizzare i propri contenuti. Quegli stessi contenuti che, evidentemente, senza Google non otterrebbero lo stesso indice di popolarità in rete. Insomma, sebbene l’impegno dei francesi sia indubbiamente meritevole e abbia destato l’interesse di molti altri editori europei, sembra che ormai sia impossibile raggiungere l’utenza di riferimento senza l’apporto delle tecnologie di Google. (M.M. per NL)
23/07/2010 14:15
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.