Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, giù utile e fatturato per L'Espresso. -9,5% la raccolta delle radio del gruppo (Deejay, Capital, m2o)
 
Un 2013 chiuso con un utile di 3,7 milioni per il gruppo editoriale L’Espresso; e sarebbe comunque adnata bene, posto che la diminuzione dei costi e l’accelerazione del digitale avrebbero alleggerito un impatto negativo che avrebbe potuto essere ben più rilevante.
Più a fondo, il fatturato complessivo del gruppo è decresciuto del 12,4%, pari a 711,6 milioni, con ricavi diffusionali in discesa a -5,8% per 248 mln e quelli pubblicitari a -15,4% per 403 mln. Sceso a quota 63,5 milioni l’EBITDA, che ha risentito dei costi di riorganizzazione e dell’andamento del mercato pubblicitario, principalmente nei settori della radio e de La Repubblica. Per quanto riguarda le rilevazioni Audipress, il quotidiano nazionale si è riconfermato, per la 19ª volta, al primo posto tra i giornali di informazione più letti in Italia, con una media di 2,8 mln di lettori medi giornalieri e per copie vendute, come riportato dai dati Audipress (indagine III/2013) e Ads (dicembre 2013). Bene anche per il newsmagazine che dà il nome al gruppo: L’Espresso si è aggiudicato il primo posto con 2.077 milioni di lettori, mantenendo la leadership su Panorama, sceso del 8,8%, con 1.708 mln di lettori. Calata la raccolta pubblicitaria nel settore della stampa, con un decremento del 19,5%, inferiore comunque a quello dell’intero comparto (-21,2%). Meno male, ma comunque con un segno negativo importante anche le radio del gruppo (Dee Jay, Capital e m2o), che hanno subito una perdita del 9,5% (peraltro in linea con il settore). Sostanzialmente stabile invece la raccolta su internet: -0,9%, rispetto al mercato che ha segnato una minima flessione del 1,8%. Per contro, è risultato ottimo l’andamento dei siti del gruppo, con un incremento del 4% delle consultazioni rispetto all’anno 2012; si segnala in particolar modo il successo di Repubblica.it che, con un numero di utenti unici nel giorno medio pari a 1.4 mln, si è confermato primo sito di news in lingua italiana, con un vantaggio del 24% (dati Awdb) rispetto al secondo sito di informazione (Corriere.it). Monica Mondardini, amministratore delegato del gruppo, ha confermato le linee guida per il 2014 e ha ribadito il mantenimento del successo dei prodotti tradizionali unito allo sviluppo del digitale e alla valorizzazione degli asset televisivi. A riguardo di quest'ultimo argomento, i lettori di questo periodico ricorderanno che la prossima settimana potrebbe essere quella decisiva per la definizione della joint venture tra Rete A, network provider DTT de L'Espresso e Telecom Italia Media Broadcasting (TIMB), controllata di Telecom Italia Media (gruppo Telecom Italia) per la costituzione di una società partecipata da entrambe nella quale confluirebbero i 2 mux di Rete A e 3 dei 4 di TIMB e che potrebbe poi essere messa sul mercato per generare cassa nei due gruppi. Per quanto attiene il 2014, le aspettative sono fortemente dipendenti dall’evoluzione del mercato pubblicitario: se da al lato la radio appare in ripresa, l’evoluzione della pubblicità sulla stampa resta critica. (V.R. per NL)
 
28/02/2014 14:32
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.