Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria: i vincitori del Premio Cronista 2012 Piero Passetti
Ieri mattina sono stati assegnati, a Viareggio, i premi del concorso Cronista 2012 Piero Passetti. Le nomine di Antonio Sanfrancesco, di Famigliacristiana.it e di Marco Tarquinio, direttore di Avvenire sono all'evidenza le risposte che la giuria del Premio ha voluto dare all’attacco di Adriano Celentano contro le due testate di ispirazione cattolica.
Sanfrancesco ha vinto la sezione Tv, radio, on line, mentre a Tarquinio è andato il Premio Provincia di Lucca. Il Premio internazionale è stato assegnato a Balàzs Nagy-Navarro e Aranka Szàvuly, giornalisti licenziati dalla televisione pubblica ungherese per essersi opposti alle censure e noti come fondatori del movimento per la correttezza dell’informazione. Il vincitore della sezione carta stampata è Salvo Palazzolo di Repubblica. I riconoscimenti speciali sono andati alla redazione dell’Agenzia Ansa di Genova, a Federica Angeli e Marco Mensurati (Repubblica), Rossana Campisi (Marie Claire), Antonio Crispino (Corrieretv), Marghe rita De Bac (Lemalattierare.info), Marco Giovannelli (Il Messaggero.it), Alessio Lasta (Raidue) Jari Pilati (Tgr Lombardia), Gisella Roncoroni e Paolo Moretti (Provincia di Como.) Un riconoscimento speciale è andato anche alla redazione di City, il quotidiano freepress del Gruppo Rcs che è stato chiuso il 24 febbraio dopo un decennio di successi, e alle redazioni di NoiTv e del Corriere di Lucca e Versilia. Il premio Vita di cronista è stato assegnato a Piero Pizzillo (il Giornale nuovo) che ha speso tutta la sua vita professionale a seguire la cronaca nera e giudiziaria di Genova e ad insegnare il mestiere ai giovani cronisti. (R.R. per NL)
 
19/03/2012 10:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.