Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria: in arrivo regole stringenti sulle vendite per accedere ai contributi previsti per quotidiani e periodici
Domani, in Consiglio dei Ministri, verrà esaminato lo schema di decreto legislativo di riforma dell’attuale normativa in materia di erogazione di contributi alla carta stampata.
Obiettivo del Governo è quello di sostenere solo i giornali effettivamente venduti. Verranno considerate ai fini del calcolo dei contributi dunque solo le copie vendute, anche in abbonamento, e non più quelle vendute in blocco e attraverso lo strillonaggio. Come riportato su Italia Oggi (edizione del 09/05), sarà obbligatorio apporre sui giornali un codice a barre che consentirà la tracciabilità di vendite e rese. Aumentano i limiti minimi di vendita sulle copie distribuite previsti dallo schema di provvedimento per accedere ai contributi. Le agevolazioni saranno infatti riconosciute alle testate nazionali che vendono almeno il 25% delle copie distribuite (l’attuale limite è del 15%), mentre le testate locali dovranno vendere almeno il 35% della loro distribuzione (contro l’attuale limite del 30%). Sono previste agevolazioni anche per le testate on line, composte da almeno 4 pagine per numero e accessibili a pagamento. E’previsto che i quotidiani on line debbano avere almeno 240 uscite, i settimanali non meno di 45, i quindicinali almeno 18 e 9 i mensili. (D.A. per NL)
10/05/2012 12:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.