Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, L'Espresso: pubblicità in flessione del 15,7% (stampa - 21,8, radio a -10,7), ricavi a -11,7. Dati che fanno riflettere su risvolti operazione DTT
 
Acque agitate nel Gruppo Editoriale L'Espresso per via della contrazione dei ricavi. Il gruppo ha registrato infatti nei primi nove mesi dell'anno un utile netto di 4,5 milioni di euro, contro i 26,4 milioni dei primi nove mesi del 2012.
Nel merito, i ricavi netti consolidati sono stati pari a 524,4 milioni, con un calo dell'11,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nell'industria editoriale, spiega il Gruppo l'Espresso in una nota diffusa ieri, «il 2013 continua a riproporre un'evoluzione estremamente critica sia della raccolta pubblicitaria (-15,8% ad agosto) che delle diffusioni. Peraltro l'evoluzione mensile della raccolta, allo stato, non lascia intravedere alcuna ripresa significativa». Le contromisire adottate hanno «consentito di attenuare gli impatti negativi della crisi», ma «la prospettiva resta comunque molto incerta a causa del perdurare della fase recessiva, che comporta scarsa visibilità sull'evoluzione futura degli investimenti pubblicitari». Anche se l'indebitamento del gruppo a fine settembre è diminuito a 61,7 milioni, dai 108,1 milioni di fine 2012, nei nove mesi i ricavi diffusionali mostrano una flessione del 6,9% a 215,3 milioni, in un mercato che «continua a registrare una significativa riduzione delle diffusioni dei quotidiani (-9,4%)». I ricavi pubblicitari hanno registrato un significativo calo del 15,7% a 288,6 milioni. Nel dettaglio, la stampa è precipitata del 21,8% nella raccolta pubblicitaria, con un decremento forte per i periodici e più contenuto per quotidiani locali. Le radio nazionali di proprietà (Dee Jay, Capital, m2o) - da sempre fiore all'occhiello del Gruppo - vedono un calo del 10,7% di raccolta (ma è del 12,6% il calo dell'intero comparto), che trova una poco più che simbolica consolazione nel fatto che la pubblicità su internet è cresciuta dell'1,8% (-3% il mercato). Grave invece il fatto che il margine operativo lordo del gruppo si è quasi dimezzato, passando a 47,5 milioni dagli 82,8 nello stesso periodo 2012, con un risultato operativo ridotto a 24 milioni dai precedenti 54,3 mln. Alla luce dei succitati risultati, va probabilmente letta in controluce l'annunciata operazione di concentrazione dei mux DTT tra Telecom Italia Media e Rete A, il network provider dell'Espresso, già accolta con estrema freddezza dalle Borse (dalla parte del gruppo editoriale di De Benedetti). (M.L. per NL) 
24/10/2013 07:18
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.