Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, la crisi favorisce le unioni: Il Secolo XIX insieme a La Stampa in un'unica società
Editrice La Stampa e S.E.P. (Società Edizioni e Pubblicazioni), editrice del Secolo XIX, annunciano "di aver raggiunto un accordo finalizzato alla costituzione di Italiana Editrice S.p.a, nella quale saranno riunite le rispettive attività editoriali".
L’operazione darà vita ad un nuovo gruppo editoriale, "in grado di offrire contenuti innovativi su carta e in digitale. Il Gruppo sarà capace di conseguire solidi risultati economici, requisito indispensabile per garantire stabilità e indipendenza, nell’interesse dei lettori", fa sapere una nota congiunta, che precisa che "A partire dal forte radicamento nell’area Nord Ovest delle testate La Stampa e Il Secolo XIX (che continueranno ad uscire separatamente in edicola), il progetto di integrazione si basa sulla valorizzazione degli investimenti effettuati nel tempo da entrambe le società editrici e punta alla creazione di un nuovo protagonista del panorama editoriale nazionale, capace di affrontare con maggiore forza le sfide legate alla trasformazione del settore".  Italiana Editrice, partecipata al 77% da Fiat e al 23% dalla Famiglia Perrone, sarà presieduta da John Elkann, mentre Carlo Perrone ne assumerà la Vice Presidenza. L’operazione sarà notificata all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni per l’espletamento dei necessari adempimenti e sarà sottoposta ai Consigli di Amministrazione e alle Assemblee dei soci di entrambe le società, che si terranno rispettivamente entro il mese di settembre e di ottobre.  Il perfezionamento dell’operazione è atteso entro la fine dell’anno. Il Presidente dell’Editrice La Stampa John Elkann ha commentato: “Con l’accordo di oggi, due testate storiche dell’editoria italiana uniscono le forze per creare un nuovo Gruppo, solido e integrato. I valori che hanno guidato entrambe per oltre un secolo rimarranno gli stessi, come pure l’indipendenza e la qualità dell’informazione offerta quotidianamente ai propri lettori. Grazie ai vantaggi che potranno generare insieme, sarà possibile rispondere al meglio alle sfide del futuro.”  Il Presidente di SEP Carlo Perrone, per parte propria, ha dichiarato: “Il Secolo XIX e La Stampa hanno dimostrato nel corso della propria storia la capacità di rinnovarsi per offrire sempre la migliore informazione ai propri lettori. Un impegno particolare è stato profuso nell’ultimo periodo per continuare ad essere protagonisti in un settore , quello dell’editoria, che sta conoscendo i profondi mutamenti generati dall’evoluzione tecnologica. L’integrazione che caratterizzerà il nuovo Gruppo costituirà la base per affrontare al meglio le future sfide di un mercato sempre più caratterizzato dallo sviluppo digitale”. (E.G. per NL)
02/08/2014 15:44
 
NOTIZIE CORRELATE
Le indiscrezioni che giravano da luglio scorso dopo l'operazione La Stampa Il Secolo XIX hanno trovato conferma: il gruppo radiofonico bergamasco che fa capo a Sergio Gervasoni, ha perfezionato l’acquisizione delle emittenti Radio Nostalgia e Radio Nostalgia 2, dalla società ligure BMI (ITEDI, Gruppo La Stampa).
La Stampa è costata a John Elkann 35 milioni di euro, nel 2012, per rimpinguare un patrimonio netto che altrimenti non sarebbe stato sufficiente ad assicurare la continuità aziendale.
"E' evidente che Sandro Parenzo sta a modo suo esprimendo la sua critica per una sentenza che se confermata in appello limiterebbe molto la liberta' d'espressione. Cio' detto, ho buone ragioni per credere che domani il programma andra' in onda su tutti i segmenti della multipiattaforma".
Il tribunale civile di Torino ha condannato la Rai e il giornalista Corrado Formigli a risarcire con cinque milioni di euro Fiat Group Automobiles.
“La Stampa” di Torino ha messo a disposizione di tutti on line il proprio archivio storico. Un’enorme mole di notizie ed articoli dal 1867 ad oggi.