Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, Mondadori aumenta il capitale e colloca azioni proprie. Incasso pari a 30 milioni di euro
Il Cda della Mondadori ha avviato un aumento di capitale pari al 6% delle azioni attualmente esistenti e collocherà una pari quantità di azioni proprie sul mercato.
Lo rende noto un comunicato del gruppo, secondo il quale l’operazione è finalizzata al “rafforzamento della struttura finanziaria”. Il consiglio di amministrazione dell’Arnoldo Mondadori Editore ha approvato un’operazione che consiste in un’offerta di un massimo complessivo di 29.953.500 azioni ordinarie da attuarsi attraverso un collocamento privato riservato esclusivamente a ‘investitori qualificati’ in Italia e investitori istituzionali all’estero, spiega la nota della società. “L’operazione approvata è finalizzata al reperimento di nuove risorse sul mercato dei capitali in funzione del rafforzamento della struttura finanziaria a sostegno degli obiettivi di sviluppo del gruppo”, aggiunge la società. Nel dettaglio, l’aumento del capitale sarà del 6,09%, la vendita di azioni proprie invece è pari al 6,07% del capitale sociale. Si tratta quindi di un’operazione non particolarmente ingente o diluitiva: l’incasso secondo gli attuali valori di Borsa dovrebbe essere attorno ai 30 milioni e la Fininvest (attualmente al 53,06%) dovrebbe mantenere di poche frazioni la maggioranza assoluta della casa editrice. Le azioni di nuova emissione e le azioni proprie verranno offerte nell’ambito di un collocamento privato, con le modalità di ‘Accelerated Book Building’. Banca IMI e UniCredit Corporate & Investment Banking saranno i Joint Bookrunners. Il prezzo definitivo di sottoscrizione delle nuove azioni, che sarà pari a quello di cessione delle azioni proprie, sarà determinato ad esito dell’attività di Book Building, che “avrà inizio immediatamente e potrà essere conclusa in qualsiasi momento”. Nel contesto dell’operazione, Mondadori ha assunto impegni di lock-up della durata di 120 giorni in linea con la prassi di mercato in operazioni analoghe. (ANSA)
18/06/2014 06:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Ufficializzata la cessione di Banzai Media Holding a Mondadori per 45 mln; in ballo 24 mln di ricavi e 17 di utenti unici sui suoi portali online.
Via libera condizionato dell’Antitrust alla concentrazione tra la Mondadori e RCS Libri, con obbligo di cessione della casa editrice Bompiani e della partecipazione in Marsilio ad acquirenti che dovranno essere preventivamente approvati dall’Autorità.
I dati ufficiali e completi sa­ranno resi noti il 17 marzo in occasione dell’approva­zione del bilancio del Grup­po di cui è a.d. Ernesto Mauri, ma alcune anticipazioni fornite ieri dal d.g. Periodici Italia, Car­lo Mandelli, e da Davide Mondo, a.d. di Mediamond, che ne se­gue la raccolta, lasciano presagi­re che il 2015 di Mondadori si sia chiuso con un risultato incorag­giante.
60 mln di euro: questa è la cifra che, secondo numerose indiscrezioni, il gruppo editoriale Mondadori sarebbe disposto a sborsare a Lagardère SCA (conglomerato francese, conosciuto in passato come Matra, con partecipazioni nel campo editoriale, vendita al dettaglio, nei media e nell'industria aerospaziale) per accaparrarsi France Dimanche e Ici Paris (due pubblicazioni ultrapopolari), ma soprattutto Télé 7 Jours, storica rivista televisiva d’Oltralpe.
A seguito del Consiglio di Amministrazione di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., riunitosi il 4 ottobre, l'amministratore delegato Ernesto Mauri ha sottoscritto il contratto relativo all’acquisizione di RCS Libri S.p.A.