Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Mondadori punta sulla Francia, trattative per acquisto tre testate di Lagardère

60 mln di euro: questa è la cifra che, secondo numerose indiscrezioni, il gruppo editoriale Mondadori sarebbe disposto a sborsare a Lagardère SCA (conglomerato francese, conosciuto in passato come Matra, con partecipazioni nel campo editoriale, vendita al dettaglio, nei media e nell'industria aerospaziale) per accaparrarsi France Dimanche e Ici Paris (due pubblicazioni ultrapopolari), ma soprattutto Télé 7 Jours, storica rivista televisiva d’Oltralpe.
Le trattative sono ancora in corso e l’affare non è ancora concluso, ma in molti scommettono sulla decisiva stretta di mano. Altri possibili acquirenti avevano corteggiato Lagardère per mettere le mani sulle tre riviste, soprattutto Altice Media del magnate delle telecomunicazioni Patrick Drahi (già proprietario di Libération e dell’Express) e i tedeschi di Bauer Media; nessun concorrente, tuttavia, era disposto ad arrivare alla cifra avanzata da Mondadori che, secondo indiscrezioni diffuse da Le Figaro, sarebbe addirittura disposta a lasciare a Lagardère una parte delle entrate degli abbonamenti 2016. Interesse, quello di Mondadori, ben comprensibile agli occhi di molti: France Dimanche, Ici Paris e Télé 7 Jours totalizzano 1,8 mln di copie alla settimana, generando un fatturato di 100 mln di euro all’anno, con margini lordi compresi fra i 20 e i 25 mln. C’è da dire, poi, che Mondadori già possiede in Francia altre riviste televisive (Télé Star e Télé Poche) e potrà immettere in Télé 7 Jours le strategie già collaudate. Stesso discorso per le altre due riviste che vuole soffiare a Lagardère e quelle dello stesso genere che già possiede, Closer in primis. Se le trattative andranno a buon fine, Mondadori, che in Francia già controlla altre pubblicazioni (come l’edizione locale di Grazia), potrebbe addirittura raggiungere e superare i 450 mln di euro di fatturato, piazzandosi quasi al livello di Prisma Media, il primo gruppo tedesco di stampa periodica in Francia che possiede Gala, Capital, Geo e Femme Actuelle. Il gruppo di Segrate, che di recente ha rilevato Rcs Libri dal gruppo di via Rizzoli, non ha rilasciato alcun commento quanto alle indiscrezioni diffuse (S.F. per NL)
08/01/2016 14:00
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".