Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, Murdoch: futuro in digitale. Dopo pay tv, pay per view, sarĂ  vincente modello pay per read?
«Al posto di un giornale stampato su carta, il lettore ne potrà avere uno impresso su dispositivi mobili che capteranno i contenuti di un intero giornale attraverso collegamenti senza fili, e saranno aggiornati ogni ora o al massimo ogni due ore».
Il futuro dei giornali è nel digitale. L'affermazione è del magnate dell'informazione Rupert Murdoch, il quale pensa che ci vorranno tra i 10 e i 15 anni perchè i lettori abbandonino completamente i giornali in materiale cartaceo. In un'intervista al canale televisivo Fox Business Network, che appartiene peraltro al suo gruppo News Corporation, l'editore australiano dice inoltre che i giornali, in crisi per il calo della diffusione del tradizionale formato di carta e per la diminuzione dei ricavi pubblicitari, dovranno far pagare l'accesso ai loro siti internet. In futuro, «al posto di un giornale stampato su carta, il lettore ne potrà avere uno impresso su dispositivi mobili che capteranno i contenuti di un intero giornale attraverso collegamenti senza fili, e saranno aggiornati ogni ora o al massimo ogni due ore» ha detto Murdoch. Il proprietario del Wall Street Journal e del Times, che ha ribadito la sua intenzione di far pagare la possibilità di visionare i siti internet dei giornali del suo gruppo, pensa che, in linea generale, sarà necessario nei prossimi anni «pagare per avere il proprio quotidiano preferito sul web». (ANSA-AFP)
30/05/2009 10:04
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.