Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Nasce Inpiù quotidiano di opinione digitale. Direttore Giancarlo Santalmassi. Target: mettere ordine nel caos delle notizie
Si chiama Inpiù, è un quotidiano di informazione digitale e nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos dell’informazione divulgando commenti e opinioni autorevoli e informate sui principali fatti del giorno.
L’esclusiva della notizia, infatti, non è più patrimonio di alcuno, perché l’informazione arriva ormai attraverso i più svariati mezzi di diffusione. Troppa informazione significa, però, nessuna informazione e molto ‘rumore di fondo’. Con un prodotto editoriale distribuito in abbonamento direttamente sugli apparati mobili e sul sito www.inpiu.net la redazione, diretta da Giancarlo Santalmassi, tenterà di identificare le notizie che quotidianamente hanno maggior rilevanza strategica per il Paese. Il comitato scientifico, presieduto da Innocenzo Cipolletta, si incaricherà invece di inquadrarle nello spazio e nel tempo, fornendo analisi, approfondimenti e commenti puntuali e precisi. Il tutto distribuito in real time e con una formula moderna e di facile consultazione. Al fianco dell’abbonamento al notiziario, Inpiù offre anche un nuovo portale d’informazione, consultabile da tutti. Oltre ad essere un giornale, il portale Inpiù.net, ogni giorno a mezzanotte, pubblicherà in esclusiva anche le notizie distribuite il giorno precedente in abbonamento, che si andranno ad aggiungere a quelle pensate, analizzate e scritte per il sito, che verrà arricchito ogni giorno da inchieste e approfondimenti. Inpiù, ha spiegato Cipolletta, presidente del Comitato Scientifico “fornisce una prima opinione su una notizia strategica elaborata da un esperto. Sulla base di questa idea, il lettore può farsi una sua propria opinione o può fare sua quella nostra, se la condivide. Il vantaggio è che l’utente non dovrà cercare in un sito web le opinioni più autorevoli, ma le riceverà direttamente e potrà leggerle rapidamente, anche mentre è occupato in altre faccende”. L’editore, il Comitato scientifico e la direzione di Inpiù, ha detto Luigi Abete, editore appunto della testata, “condividono una serie di valori culturali: una società libera, responsabile e disponibile all’innovazione, che riconosce e premia il merito, in un quadro di solidarietà sociale, intergenerazionale, geopolitica. Da questo punto di vista In Più si caratterizza anche come una ‘comunità di valori’ che offre l’interpretazione dei fatti a nostro giudizio più coerente con lo sviluppo del nostro Paese nel quadro dell’evoluzione dell’Europa. InPiù ha dunque l’ambizione di contribuire a costruire un’identità condivisa con i propri lettori, anche per contribuire a recuperare un alfabeto e una visione comune in questo tempo di conflitti, divisioni e crescente incomunicabilità”. L’appuntamento per la presentazione di Inpiù è fissato per domani alle 11,30 alla Libreria Fandango, in via dei Prefetti 22 a Roma. All’evento parteciperanno il direttore, Giancarlo Santalmassi, il presidente del Comitato scientifico, Innocenzo Cipolletta, e l’editore, Luigi Abete, che si confronteranno sui temi dell’informazione, dei nuovi media e del futuro della comunicazione. (Tmnews)
16/04/2013 07:36
 
NOTIZIE CORRELATE
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
Dopo la cessione del gruppo Banzai della divisione media a Mondadori (fatta eccezione per il Post e Giornalettismo) la compagnia di Paolo Ainio torna a concentrarsi solo sull’e-commerce lasciando il mercato pubblicitario.
Ufficializzata la cessione di Banzai Media Holding a Mondadori per 45 mln; in ballo 24 mln di ricavi e 17 di utenti unici sui suoi portali online.
Il direttore di Oggi spiega come il suo giornale è sopravvissuto al web. Per accogliere le numerose opportunità, i player del settore devono iniziare a comprendere come questo sia cambiato.