Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. News Corp: ricavi -4%, previsto piano tagli. Digitale per tornare a crescere

I ricavi del gruppo giù del 4%, complici la crisi pubblicitaria e il cambio valute. Calano tutti i settori tranne quello digitale, sul quale si punta per tornare alla crescita.
Il gruppo mediatico News Corp, nell’ultimo semestre, ha visto calare i propri ricavi complessivi del 4% per assestarsi a 3,75 miliardi di euro. Il conglomerato fondato da Rupert Murdoch, che coordina tutte le attività del magnate dei mass-media, ha risentito della crisi generale della carta stampata e delle difficoltà dovute al tasso di cambio. La contemporanea presenza del gruppo negli Usa, in Uk e in Australia, e di conseguenza le fluttuazioni del tasso di cambio tra le varie valute, hanno contribuito al calo nei ricavi che altrimenti sarebbero stati addirittura positivi, considerando solo l’ultimo trimestre. La maggior fonte di fatturato di NewsCorp arriva dalla divisione news, che registra un calo del 10% attestandosi a 2,4 miliardi di euro. Il colosso mediatico comprende testate di alto calibro come il News York Post, The Sun, The Times e The Wall Street Journal. Subito dopo viene l’editoria libraria con 763 milioni di euro in ribasso del 2%; quindi la tv via cavo (-8% a 205 milioni di euro). L’unico dato largamente positivo del periodo è quello relativo alla Digital real estate services, che si occupa della gestione dei portali immobiliari on line del gruppo. La crescita in tal senso è stata del 50%, concludendo a 356 milioni di euro rispetto ai 237,5 dello stesso periodo nell’anno precedente. Ma l’amministratore delegato Robert Thomson, sembra avere le idee chiare sul programma di gestione aziendale che porterà il gruppo a crescere nuovamente: «News Corp sta evolvendo rapidamente in una società più digitale e globale», ha riferito Thomson, e i dati positivi sui servizi digitali non possono che dargli ragione quando dice che questo «porterà una crescita a lungo termine nei profitti e nei ritorni per gli azionisti». Nel mirino anche l’eliminazione degli sprechi e l’ottimizzazione delle risorse: «Siamo focalizzati nel taglio dei costi e nella condivisione di servizi fra tutta News Corp, per rendere integrate le operazioni nei quotidiani in Australia e Uk». Nell’ultimo trimestre del 2015 è stato negativo anche il dato relativo ai profitti, in calo del 56% a 62 milioni di dollari. (G.C. per NL)

09/02/2016 08:08
 
NOTIZIE CORRELATE
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.
Sky Italia ha chiuso il secondo trimestre dell’anno fiscale 2016 (30/06/2016), vedendo crescere gli abbonati (+17mila) e i ricavi (+13%), attestando l'utile operativo a 67mln di euro, in sensibile diminuzione (-11mln) rispetto allo scorso anno fiscale.
Ha il via anche in Italia, dal 24 giugno, il rebranding del servizio SVOD di Sky che diventa Now Tv, come già fatto nel Regno Unito nel 2012. L’obiettivo è offrire un servizio meno caro, aumentare i contenuti e proporli tutti in HD.
Il gruppo di Rupert Murdoch chiude il terzo trimestre con perdite per 131 milioni di euro a causa di un fatturato complessivo che cala del 7%. In positivo solo i servizi web in campo immobiliare.