Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. News Corp: terzo trimestre in rosso per 131 mln

Il gruppo di Rupert Murdoch chiude il terzo trimestre con perdite per 131 milioni di euro a causa di un fatturato complessivo che cala del 7%. In positivo solo i servizi web in campo immobiliare.
News Corp archivia il terzo trimestre - relativo a gennaio-marzo 2016 – in perdita per 149 milioni di dollari (quasi 131 milioni di euro). I ricavi totali sono crollati del 7,3% per assestarsi a quota 1,89 miliardi di dollari, inferiori alle previsioni degli analisti che avevano stimato il fatturato del periodo in 1,93 miliardi. Ad influire in negativo sulle performance della società di Rupert Murdoch è stato in primo luogo il rallentamento della raccolta pubblicitaria sulla carta stampata, seguito dalle oscillazioni sfavorevoli del dollaro: con ricavi che per più del 50% vengono generati al di fuori degli Stati Uniti, l’instabilità del mercato valutario di riferimento ha portato alla perdita di ben 72 milioni di dollari, vale a dire 63 milioni di euro. Ulteriore zavorra sul bilancio trimestrale di News Corp è stata anche una maxi-multa del valore di 280 milioni di dollari inflitta a News America Marketing, sussidiaria del gruppo, tacciata per la monopolizzazione delle promozioni in-store negli Stati Uniti. Attorno al gruppo gravitano testate del calibro del Wall Street Journal e il New York Post, la casa editrice Harper Collins, Dow Jones e gran parte delle testate australiane. L’unico bagliore di luce sembra arrivare dai servizi immobiliari online, gli unici a chiudere il trimestre in senso positivo: con un’incisione sul fatturato per 194 milioni di dollari (170 milioni euro), l’ultimo trimestre hanno registrato una crescita del 14%. (G.C. per NL)
08/05/2016 07:52
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.