Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. News of the World a pagamento da ottobre. Prosegue l’epopea di Murdoch
Il tycoon australiano rimane impassibile ai resoconti negativi sull’andamento dei suoi paywall.
Come segnalato da numerose testate internazionali e non solo, l’unico caso in cui il pagamento di notizie online ha riscosso successo è quello del Wall Street Journal, nel quale però confluiscono lettori professionisti del mondo imprenditoriale, che fanno del predetto quotidiano una sorta di insostituibile bibbia finanziaria. Quanto invece accada su Times e Sunday Times non ha nulla a che vedere con il caso precedente e i risultati lo dimostrano: quasi due terzi dei lettori cercano le proprie notizie altrove, senza cedere a quella sterlina in più per consultare il sito dello storico quotidiano inglese. Ciò nonostante l’avanzata del paywall di Rupert Murdoch non si arresta. Anzi, mieterà nuove “vittime”. Infatti, come dichiarato da News International – divisione del gruppo che si occupa di quotidiani e magazine britannici – da ottobre diventerà a pagamento anche il sito del tabloid domenicale News of The World, al costo di 1 sterlina per un giorno, 1 sterlina e 99 per quattro settimane. E contemporaneamente verrà resa disponibile l’applicazione per iPad, al prezzo settimanale di 1 una sterlina e 99. Probabilmente anche in questo caso si potrebbe assistere ad un calo del numero dei lettori, con una conseguente diminuzione di popolarità della testata. Ma allora rimane da chiedersi, perché Murdoch sembra comunque disposto a correre rischi economicamente consistenti pur di indottrinare i lettori di tutto il mondo al cambiamento? (M.M. per NL)
 
22/09/2010 09:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Che la carta stampata stia attraversando un periodo di forte crisi non è una novità. I nuovi dati ADS (Accertamenti Dati diffusione Stampa) relativi al mese di dicembre 2016 e messi a confronto con quelli di dicembre 2015 evidenziano però una notevole caduta in termini di diffusione media, con riferimento sia all’Italia che all’Estero.
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.