Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria online. Mondadori diventa primo editore digitale in Italia

Ufficializzata la cessione di Banzai Media Holding a Mondadori per 45 mln; in ballo 24 mln di ricavi e 17 di utenti unici sui suoi portali online.
Mondadori chiude la trattativa con Banzai per acquisire Banzai Media Holding, la divisione dedicata ai vertical content del colosso e-commerce. La cessione si è conclusa per 45 mln, di cui 41 sono componente fissa e i restanti 4 sono l’earn-out. Secondo l’accordo, inoltre, Banzai potrà godere degli spazi pubblicitari correlati alle attività cedute per i prossimi tre anni, con un beneficio che, si stima, dovrebbe aggirarsi intorno ai 7 mln. Il perimetro acquisito dalla casa editrice presidiata da Marina Berlusconi esclude il segmento delle news, come Il Post ci tiene a ricordare in un articolo (dato che di quel segmento fa parte); in ogni caso, i ricavi registrati dalle attività cedute, hanno raggiunto nel 2015 i 24 mln ma soprattutto 17,1 mln di utenti unici grazie a siti come Giallo Zafferano, Pianeta Donna o Studenti.it. L’operazione, che dovrà essere perfezionata entro giugno, darà a Mondadori interessanti possibilità di profilazione dell’utenza oltre che una leadership nel campo dell’editoria digitale italiana. Banzai ha fatto sapere, invece, che sfrutterà la cessione (e la plusvalenza lorda di circa 20 mln) per investire e rafforzare la propria presenza nel campo e-commerce per aumentare la base di clienti e la gamma di servizi. (E.V. per NL)
14/05/2016 12:47
 
NOTIZIE CORRELATE
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
Dopo la cessione del gruppo Banzai della divisione media a Mondadori (fatta eccezione per il Post e Giornalettismo) la compagnia di Paolo Ainio torna a concentrarsi solo sull’e-commerce lasciando il mercato pubblicitario.
Via libera condizionato dell’Antitrust alla concentrazione tra la Mondadori e RCS Libri, con obbligo di cessione della casa editrice Bompiani e della partecipazione in Marsilio ad acquirenti che dovranno essere preventivamente approvati dall’Autorità.
I dati ufficiali e completi sa­ranno resi noti il 17 marzo in occasione dell’approva­zione del bilancio del Grup­po di cui è a.d. Ernesto Mauri, ma alcune anticipazioni fornite ieri dal d.g. Periodici Italia, Car­lo Mandelli, e da Davide Mondo, a.d. di Mediamond, che ne se­gue la raccolta, lasciano presagi­re che il 2015 di Mondadori si sia chiuso con un risultato incorag­giante.