Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Paywall e siti a pagamento: Murdoch tentenna; altri editori crollano
La verità è che gli abbonamenti online non riusciranno, almeno per come sono organizzati attualmente, a compensare il crollo di fatturato dei quotidiani tradizionali.
Dati alla mano, il mercato appare ancora stravolto dal crack economico mondiale, nonché da quella crisi prettamente editoriale che non sembra ancora trovare soluzioni definitive. Se per più di un secolo quello del quotidiano di carta è stato il sistema più intelligente e competitivo per accaparrarsi lettori e pubblicità, ora l’elettronica ci mette del suo per scardinare i principi della stampa, ma senza offrire svincoli necessari alla ripresa dell’informazione. Lo dice anche il giornalista Enrico Pedemonte, in un'interessante riflessione pubblicata sul blog de L’Espresso secondo cui “è troppo presto per dichiarare falliti questi esperimenti, ma sono in molti a ritenere improbabile che i giornali generalisti possano combattere il calo della pubblicità e delle copie semplicemente alzando barriere intorno ai loro siti web”. Rimane il fatto che, stando ai risultati di un’analisi condotta da Enders Analysis (società specializzata in ricerche nel settore delle telecomunicazioni), ogni lettore che sottoscrive un abbonamento su internet, rende all’editore solo un quarto di quanto potrebbe rendere acquistando il quotidiano tradizionale. Senza poi contare che abbonarsi online costa meno, e la pubblicità su internet rende comunque meno che sul quotidiano. Insomma, se dovessimo pensare al web come ad una valida alternativa della carta, piuttosto che ad uno strumento per colmare i buchi creati nel mondo editoriale, si delineerebbe una situazione a dir poco catastrofica e comunque con poche chance. Murdoch stesso, pur faticando ad ammetterlo, si sta rendendo conto che adottare la strategia del paywall non si sta dimostrando tanto efficace, salvo che il sistema venga applicato a riviste e quotidiani così settoriali da obbligare intere schiere di professionisti ad abbonarsi allo scopo di utilizzare la stampa come mezzo di aggiornamento quotidiano. Ma rimane poi da valutare il fatto che gli utenti sono ancora pochi e che, nel mondo parallelo della carta stampata Usa, le vendite sono diminuite del 15%, gli introiti pubblicitari del 45%. Insomma, come resistere? A dire il vero i dati sul 2009 hanno dimostrato che molte testate statunitensi hanno comunque resistito dignitosamente alla crisi editoriale e nonostante ne fosse stata preannunciata la chiusura, godono ancora di buona salute. Ma nessuno ha comunque concluso con successo un periodo di rilancio vero e proprio. Per la maggiorparte degli editori si tratta di un momento in cui la barca sta ancora a galla, in alcuni casi addirittura grazie all’ampliamento delle redazioni che si occupano di notizie locali. Ma quanto potrebbero resistere ancora questi giornali? E cosa succederà nel caso in cui alcuni di loro dovessero definitivamente crollare? Siamo sicuri, insomma, che l’alternativa del web sia effettivamente così funzionale? (M.M. per NL)
08/09/2010 09:35
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.