Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, Presidenza consiglio dei ministri: contratti con agenzie stampa per acquisto servizi giornalistici ed informativi
 
Il Dipartimento per l’informazione e l’editoria, nell’ambito dei propri compiti istituzionali, stipula contratti con le agenzie di stampa, per l’acquisto di servizi giornalistici ed informativi, con un duplice obiettivo.
Da un lato, vi è il target di garantire in primis alle amministrazioni dello Stato una completa informazione, assicurando la massima diffusione di notizie sugli aspetti più rilevanti della realtà politica, economica, sociale e culturale italiana ed internazionale; dall’altro, quello di assicurare una adeguata informazione sull’attività delle istituzioni ai cittadini e agli addetti ai lavori; tutto ciò nel rispetto del fondamentale principio del pluralismo delle fonti di informazione. Nel rispetto del principio di razionalizzazione delle risorse economiche, il DIE svolge sostanzialmente un ruolo assimilabile alla “centrale di committenza” come previsto dalla legge n. 237/1954 secondo l’interpretazione autentica recata dall’art. 55, comma 24, della legge n. 449/1997. L’acquisto di tali servizi avviene tramite procedura negoziata ai sensi dell’art. 57, comma 2, lett. b) del decreto legislativo n. 163/2006 (Codice dei contratti pubblici). Per la individuazione dei contraenti abilitati a fornire i servizi di agenzia alle pubbliche amministrazioni statali, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha selezionato le sole agenzie a diffusione nazionale sulla base dei parametri indicati dall’art. 2, comma 122, della legge n. 286/2006 (che ha sostituito l’art. 27, comma 2, della legge n. 416/1981). In tale ambito normativo, anche per l’anno 2014 sono state stipulate convenzioni con n. 11 agenzie di stampa per la fornitura, alle Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, di n. 6.333 postazioni per l’accesso ai servizi giornalistici, oltre a n. 112 postazioni “full” che consentono agli utenti di fruire di collegamenti per un numero illimitato di postazioni. Le agenzie di stampa diramano quotidianamente un numero minimo di 9.100 lanci per un numero complessivo annuo di lanci pari a 2.730.000 per una media di 300 giorni lavorativi. Nella sezione “Amministrazione trasparente” - sottosezione “Bandi di gara e contratti”, del sito del DIE della PCM sono pubblicate le schede con le informazioni relative ai contratti stipulati, registrati dagli organi di controllo. (E.G. per NL)
18/03/2014 11:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Prosegue spedita l’intenzione del Governo di indire un bando di gara europeo per l’affidamento dei servizi giornalistici e informativi della Presidenza del Consiglio alle agenzie di stampa.
I giornalisti della redazione dell'agenzia radiofonica Area, dipendenti di Area Ag. s.c.p.a. e dipendenti di Audionews Regioni s.r.l, hanno indetto uno sciopero di 7 giorni, dal primo giugno a domenica 7 giugno, per denunciare il progressivo aumento dei ritardi retributivi.
E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 258, Serie Generale, dopo la registrazione della Corte dei conti, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, firmato il 30 settembre 2014 con il concerto dei Ministri del lavoro, dello sviluppo economico e dell’economia, con il quale sono state ripartite le risorse del Fondo straordinario per gli interventi di sostegno all’editoria, istituito per il triennio 2014 – 2016 con l’articolo 1, comma 261, della legge di stabilità per l’anno 2014.
Nella seduta del 29 gennaio 2014, la Commissione istituita dalla legge del 31 dicembre 2012, n. 233 per l’individuazione dell’equo compenso nel lavoro giornalistico nell'ambito del Dipartimento per l'informazione e l'editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri, ha individuato, con propria delibera, i criteri per la definizione dell’ambito di applicazione dell’equo compenso.
Con note pubblicate sul proprio sito internet, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha finalmente comunicato le modalità per la presentazione delle domande per accedere alle provvidenze all’editoria per l’anno 2011 da parte delle imprese radiotelevisive e delle imprese editrici di quotidiani e periodici.