Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, Rapporto WAN 2009: calano i ricavi pubblicitari. Ma non va tanto male
Secondo il rapporto annuale della World Associacion of Newspapers presentato a Kuala Lumpur lo scorso 4 agosto 2010, il 2009 è stato caratterizzato da un calo del 17% dei ricavi pubblicitari ed una modesta diminuzione della circolazione dei quotidiani, pari allo 0,8 %.
Questo risultato non fa che dimostrare che l'editoria, come tutti i settori del business, subisce in parte gli effetti negativi della crisi.  Ma, nonostante il dato statistico comunicato dall'associazione sia decisamente negativo, è tuttavia risultato al di sopra della media degli ultimi cinque anni del 5,7%; dimostrando di non aver subito in modo drastico l'impatto della recessione globale. Infatti, un quarto della popolazione adulta mondiale, quantificabile in circa 1,7 miliardi di persone, ha letto un quotidiano al giorno. I lettori più accaniti sono in oriente: l'India, infatti, risulta al primo posto con 110 milioni di copie; seguita da Cina e Giappone con, rispettivamente, 100 e 50 milioni di copie. Tornando in Europa, è la Germania a primeggiare con 20 milioni di copie giornaliere. Sono state incoraggianti le parole di Christoph Reiss, Amministratore Delegato della World Association of Newspapers and News Publishers, il quale, durante la presentazione del rapporto, ha dichiarato: "Francamente, ho notato una tendenza tra giornalisti e commentatori a soffermarsi sugli aspetti negativi del business, quando è invece chiaro che c'è molto su cui essere positivi". (C.P. per NL)
 
05/08/2010 10:37
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.