Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, Stampa Magazine RCS: 2015 complessivamente positivo, segnali di crescita dalla raccolta pubblicitaria

Un anno complessivamente positivo pur in presenza di un mercato pubblicitario difficile, che però mostra qualche segnale di ripresa da cogliere pienamente nel 2016.
Così Luca Traverso, direttore divisione Sistemi Verticali di RCS Media- Group, commenta il 2015 a margine del convegno organizzato ieri a Milano in occasione del nuovo numero di Amica International dedicato al futuro della moda. A un anno dal lancio dello spin off bilingue da collezione del mensile diretto da Emanuela Testori, particolarmente vicino all’industria della moda, Traverso sottolinea come Amica sia «un giornale che intercetta l’interesse sia del pubblico consumer, sia di quello professionale, ritagliandosi un ruolo unico che lo contraddistingue». Lo dimostrano la tenuta del venduto in edicola e della raccolta pubblicitaria: «anche in questo caso – dice Traverso – registriamo qualche segnale di miglioramento e contiamo di approfittarne nel 2016». Il 2015 è anche stato un anno in cui si è lavorato alla razionalizzazione del portafoglio Verticali, alla luce di un mercato molto più selettivo. Un lavoro che avrebbe portato nuova solidità e qualità all’offerta RCS. «Ci presentiamo sul mercato con una buona capacità di cogliere i nuovi trend positivi, tra cui una ripresa dell’advertising, non più nella forma tabellare ma sotto diverse modalità». Nel processo di rilancio e razionalizzazione sono entrati anche Style, il magazine del Corriere della Sera affidato alla direzione di Alessandro Calascibetta, e il sistema arredamento. Il nuovo Style «è cresciuto sul fronte pubblicitario, grazie a un forte investimento sulla qualità che è piaciuto agli inserzionisti. Abbiamo fatto due fashion issue che sono andate molto bene». Per quanto riguarda arredamento e design «nel 2015 abbiamo consolidato Living, che registra una crescita della raccolta, e rilanciato Abitare. Anche in questo caso abbiamo lavorato sulla qualità e ci presentiamo sul mercato con due prodotti “a posto”». (Daily News)
11/12/2015 20:02
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.