Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Times online a pagamento: esperimento fallito?
Secondo le prime stime, rigorosamente ufficiose, il paywall del Times online potrebbe presto dimostrarsi un mezzo fiasco. Infatti, se quanto trapelato da numerosi fonti (Cnet.com, Nytimes.com, etc.) fosse confermato, il popolare quotidiano inglese potrebbe aver perso fino al 67% dell’utenza che generalmente e quotidianamente accedeva prima al medesimo sito, gratuitamente.
Tutto ciò si tradurrebbe nel crollo della teoria del tycoon australiano secondo cui l’attuale panorama editoriale internazionale necessiterebbe di uno slancio di qualità, raggiungibile solo con la monetizzazione dei contenuti. Fonti pessimistiche (trattasi sicuramente di concorrenti del Times) suggeriscono addirittura che l’utenza, oggi pagante, rimasta online sia circa il 10% di quanto fosse in precedenza, ma è chiaro che questa stima potrebbe rivelarsi eccessivamente negativa. Comunque sia, i vertici di Newscorp dovranno dominare ora una situazione che rischia di sfuggire alle proprie mani. Anche perché tra qualche mese, se il trend rimanesse tale, il peso degli inserzionisti potrebbe diminuire sensibilmente, costringendo Rupert Murdoch e compagni a rivedere i punti fondamentali dell’attuale strategia. Non siamo certi che questa operazione si possa effettivamente dimostrare fallimentare, ma certo è che applicare un paywall su un quotidiano non finanziario e settoriale come il Wall Street Journal sia qualcosa di altamente composito ed economicamente pericoloso. Ma bisogna ammettere che la difficoltà di produrre contenuti nuovi e diversi da quanto pubblicato altrove, potrebbe dimostrarsi una sfida ben più complessa di quanto fosse immaginabile. Del resto perché pagare oggi, quando tutto è già disponibile altrove e gratuitamente? Una domanda che fanno in molti e a cui pochi sanno rispondere in modo compiuto. Del resto l’epoca in cui viviamo è ancora avvolta nell’aurea dell’informazione libera e accessibile ovunque, almeno online; un caposaldo impossibile da sradicare. Forse. (M.M. per NL)
20/07/2010 14:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Che la carta stampata stia attraversando un periodo di forte crisi non è una novità. I nuovi dati ADS (Accertamenti Dati diffusione Stampa) relativi al mese di dicembre 2016 e messi a confronto con quelli di dicembre 2015 evidenziano però una notevole caduta in termini di diffusione media, con riferimento sia all’Italia che all’Estero.
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.