Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria & Tv, USA: Warren Buffett si separa dai Graham e si dirige verso il mondo delle tv locali
Dopo una unione che durava da 40 anni, il più grande value investor di sempre, cede la sua quota da socio azionista del Washington Post e ne ricava 1,3 miliardi di dollari, da reinvestire in una tv locale di Miami.
Prima dell’arrivo, avvenuto la scorsa estate, di Jeff Bezos (fondatore di Amazon.com che ha rilevato lo storico quotidiano americano per 250 mln di dollari), Buffet deteneva il 28% delle azioni della Graham Holdings, società che controllava il gruppo editore del quotidiano della capitale degli States. Il finanziere ha da poco deciso di lasciare uno dei suoi investimenti più vecchi: aveva infatti cominciato a comprare titoli Graham nel 1973, due anni dopo che la società si era quotata a Wall Street, ed era entrato nel consiglio di amministrazione nel 1974. Miliardario da sempre amante del mondo della carta stampata e primo azionista della Berkshire Hathaway (una delle più importanti holding americane), Buffett ha deciso di investire il ricavato delle azioni cedute, nell’acquisizione di un network televisivo locale della Florida, gestito anch’esso dalla famiglia Graham. Per completare l’acquisizione dell’intero Wplg Channel 10 (che comprende anche il sito local10.com, con utenti in forte crescita) l’americano dovrà aggiungere altri 327 mln di dollari. Con questa cessione la Graham Holdings potrà investire i nuovi capitali nelle sei tv locali, nel gruppo editoriale Kaplan – specializzato in editoria scolastica – e in Slate, il portale dedicato all’approfondimento e all’attualità. (V.R. per NL)
 
24/03/2014 16:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.