Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA e Francia. New York Times e Le Monde: le due direttrici cedono la loro poltrona
 
Due donne simbolo del giornalismo hanno rassegnato le loro dimissioni. Una è la direttrice del The New York Times Jill Abramson, l’altra quella di Le Monde, Nathalie Nougayrède: la prima ha lasciato per ragioni ancora ignote, la seconda dopo un lungo scontro con la sua redazione.
L’addio di Jill Abramson ha lasciato a bocca aperta l’intero grattacielo all’angolo tra la Fifth Avenue e la 41esima strada, che porta la firma di Renzo Piano: già perché lo scoop – lanciato dalla stessa redazione sul sito del New York Times mercoledì 14 maggio – pare essere stato totalmente inatteso per i giornalisti del più famoso quotidiano statunitense (come mostrano i loro cinguettii di twitter). La Abramson aveva assunto l’incarico nel 2011 (sostituendo Bill Keller alla direzione), dopo anni di gavetta come ex inviata del giornalismo di inchiesta e dopo un periodo come caporedattrice dell’ufficio di Washington: in questo triennio la testata da lei guidata ha attraversato prove difficili, restando sempre all’avanguardia negli esperimenti riguardanti l’informazione digitale. Ora a occupare la poltrona della Abramson ci sarà Dean Baquet, 57 anni, ex direttore del Los Angeles Times e managing editor del giornale, dal 2007 al Nyt - nel 1988 aveva ricevuto il premio Pulitzer per il giornalismo investigativo: dopo la Casa Bianca, anche il quotidiano newyorkese sarà per la prima volta guidato da un afro-americano. Una scelta condivisa dall’editore Arthur Sulzberger che ritiene che in questo momento non vi sia “nessuno più qualificato di lui per assumere le responsabilità di direttore esecutivo”. Se le ragioni della Abramson restano ancora ignote, lo stesso non vale per le dimissioni della direttrice del più importante quotidiano francese, Le Monde: Nathalie Nougayrède, la prima responsabile donna del giornale, ha dichiarato in un comunicato stampa le motivazioni della sua scelta, affermando di non avere più gli strumenti per assicurare in tutta pienezza e serenità le proprie funzioni. “La volontà di alcuni membri di Le Monde – scrive – di ridurre drasticamente le prerogative del direttore del giornale è per me incompatibile con il proseguimento della mia missione. Ciò indebolirà profondamente e a lungo termine la funzione. Gli attacchi diretti e personali nei confronti della direzione e del mio operato mi impediscono di portare avanti il piano di trasformazione concordato con gli azionisti e che necessita un ampio appoggio della redazione, nell’interesse del giornale”. Il cambiamento e la rottura dei vertici erano nell’aria già da qualche tempo: alcuni giorni fa due vicedirettori vicini alla Nougayrède (Vincent Giret e Michel Guerrin) avevano rassegnato le loro dimissioni, e la scorsa settimana Le Monde aveva assistito a un ammutinamento di massa di sette caporedattori su undici (a Natalie Nougayrède, 46 anni, eletta con ampi consensi nel marzo del 2013, sono stati rimproverati metodi di gestione rigidi e autarchici e i colleghi l’hanno più volte accusata di non ascoltare nessuno e di non saper prendere decisioni urgenti). Un gesto simbolico molto forte per protestare contro il piano di mobilità, presentato a febbraio, che prevede il trasferimento di una cinquantina di posti di giornalisti alla redazione online. Ora le funzioni dell’ex direttrice dovrebbero essere rapidamente assunte da un sostituto, nell’attesa che venga nominato un nuovo direttore – che dovrà vedersela con i conti pesantemente in rosso del quotidiano, le cui vendite sono calate ancora del 4,4%, e con la difficile transazione dal cartaceo al web -. (V.R. per NL)
 
15/05/2014 17:53
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".