Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA: i lettori del NYT spendono la stessa quantità di tempo su articoli veri e sulle storie sponsorizzate dagli inserzionisti
I lettori del New York Times spendono la stessa quantità di tempo su articoli veri e sulle storie sponsorizzate dagli inserzionisti. La rivelazione é stata fatta da Meredith Levin, vice direttore della pubblicità al Times intervenuta ad un evento della American Association of Advertising Agencies.
Anzi, ha aggiunto Levin, a volte i cosiddetti «paid post» hanno più successo di pubblico rispetto agli articoli. Un esempio che ha citato: il Times ha aiutato la compagnia aerea American Airlines a sviluppare un grafico interattivo su quanto gli atleti avrebbero dovuto viaggiare per recarsi alle Olimpiadi invernali di Sochi. Un pacchetto che é stato capace di generare 200.000 accessi, ben più di una normale storia del giornale. Il New York Times ha lanciato a gennaio, tra non poche polemiche sul ruolo dei giornali e del giornalismo, il nuovo «servizio» delle storie sponsorizzate. Al momento ha otto inserzionisti partecipanti, con altri che dovrebbero aggiungersi nei prossimi mesi. I dati offerti oggi da Levin hanno sorpreso: finora questo contenuto pubblicitario, chiamato anche «native advertising» e adottato da un crescente numero di pubblicazioni quali il Wall Street Journal, era parso attirare meno interesse tra i lettori dei principali siti. «I marchi raccontano delle storie e le raccontano legate alle notizie», ha affermato Levin. L'idea di questi marchi che lavorano assieme a prestigiosi editori «sta funzionando molto bene», ha aggiunto. Il Times vende loro «audience e contesto» ma condivide anche «strumenti e standard per il racconto». (RADIOCOR)
16/05/2014 10:18
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.