Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA. I quotidiani non decollano: la pubblicità online non compensa la carta, in picchiata a -8,6%
 
Secondo la Newspaper Association of America (l'associazione professionale che rappresenta circa 2000 giornali negli USA e in Canada) la performance dei quotidiani statunitensi nel 2013 sarebbe stata la migliore dal 2006: al contrario di quel che si potrebbe pensare però, la variazione sull’anno precedente resta ancora negativa a quota 37,59 mld di dollari.
Luci, ombre e molti punti interrogativi avvolgono il settore della stampa negli Stati Uniti: il calo complessivo del 2,6% del fatturato non fa altro che dare un’ulteriore conferma della tendenza in atto, ovvero quella di un mondo in cui il web aumenta il numero delle copie vendute, pur non riuscendo a colmare il gap causato dal cartaceo. I ricavi diffusionali, nonostante la crescita complessiva del 3,7%, per un totale di 10,87 mld di dollari, non riescono a compensare le gravi perdite che affliggono il settore della raccolta pubblicitaria in calo del -6,5% sul 2012, e nemmeno a pareggiare il bilancio. Se è vero che le diffusioni esclusivamente digitali sono cresciute del 47% e che i pacchetti carta+digitale sono in aumento del 108%, il punto dolente – che impedisce il decollo del fatturato - è da ricercarsi proprio nella raccolta pubblicitaria: la pubblicità sulla carta stampata è in discesa dell’8,6% e i digital advertising nel 2013 sono cresciuti solamente dell’1,5%, a fronte di un mercato Usa dell’advertising online display che segna un +32% nell’ultimo trimestre, secondo i dati Nielsen. Sebbene l’economia statunitense sia in graduale ripresa (il pil è cresciuto del 3,2% e le spese dei consumatori sono aumentate del 3,3% nel periodo ottobre-dicembre 2013), la crisi interessa ancora i quotidiani cartacei, che pesano per quasi il 50% sui ricavi totali (la carta vale 17,30 mld, la metà circa dei complessivi 37,59 miliardi del settore) e che non riescono ancora a spiccare il volo. Come dire: si sopravvive senza riuscire tuttavia a mettere in tasca grandi guadagni. (V.R. per NL)
 
24/04/2014 06:36
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.