Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA: Il miliardario messicano Slim investe nel New York Times. Rinnovato segno di fiducia nella stampa tradizionale
 
Importante segno di fiducia nella stampa tradizionale: il miliardario messicano Carlos Slim, secondo uomo più ricco del mondo, con una fortuna di oltre 67 miliardi di dollari, torna a investire nel New York Times.
E lo fa impegnandosi ad esercitare, entro la fine del 2013, i suoi diritti di warrant, che gli permetteranno più che di raddoppiare la sua partecipazione nella societa’ editrice, finora rimasta saldamente in mano della famiglia Ochs-Sulzberger. Lo riferisce l’agenzia Bloomberg, secondo la quale Slim, già il secondo azionista del Times con una quota dell’8 per cento, possiede warrant che gli danno il diritto all’acquisto di 15,9 milioni di azioni a 6,36 dollari a testa, meno della metà del loro valore di mercato al momento di chiusura di ieri. Sempre secondo Bloomberg, il magnate messicano intenderebbe mantenere la quota acquisita non avendo fini speculativi. La scommessa sul Times, scrive la Bloomberg, sembra aver pagato bene il miliardario messicano che nel 2009 aveva ottenuto i warrant in cambio di un prestito di 250 milioni di dollari per aiutare la “Vecchia Signora in Grigio” a far fronte alla crisi finanziaria globale. Il rafforzamento nel’azionariato del quotidiano viene interpretata dagli analisti come un voto di fiducia per la nuova gestione dell’amministratore delegato Mark Thompson arrivato l’anno scorso dalla BBC e, in generale, nei confronti di un mercato, quello della stampa tradizionale, dato per spacciato. L'attività di ristrutturazione del nuovo a.d. del NYT era iniziata attraverso la vendita di asset non strategici, passando dal rafforzamento digitale a pagamento per contrastare13 trimestri consecutivi di declino della pubblicita’. Va del resto sservato che il quotidiano è al sicuro da scalate ostili perché il pacchetto degli azionisti di riferimento (Ochs-Sulzberger) e’ costituito da azioni privilegiate che garantiscono la posizione dominante nel board. Anche le azioni di Slim, del resto, permettono al miliardiario centramericano di votare solo per direttori di classe A, un gruppo che non rappresenta piu’ di un terzo dell’intero cda, con i restanti due terzi saldamente nelle mani della famiglia. (G.O. per NL)
21/02/2014 09:07
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.