Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA: la crisi non si placa per il settore e Barnes & Noble mette in vendita 720 librerie
I problemi sono principalmente due: l'attuale evoluzione dell'editoria, alla quale non si è stati capaci di reagire prontamente e la vendita al dettaglio, ormai non più competitiva come solo cinque anni fa.
Per queste ragioni la più grande catena di librerie statunitense (nonchè una delle più popolari al mondo) ha deciso di vendere i 720 store sparsi per gli Usa, con l'obiettivo di concentrarsi esclusivamente sulle nuove tecnologie ed internet, due settori che ad oggi non sono stati studiati a fondo e hanno condannato Barnes & Noble ad una posizione di ritardo nei confronti di molti altri concorrenti. Finisce così un capitolo dell'editoria americana, oltre che un pezzo di storia di molte città: Barnes & Noble era, infatti, un simbolo per molte metropoli; New York prima tra tutte. Ora le strategie cambieranno e si concentreranno sulla sfida digitale lanciata, ormai da qualche anno, da Amazon e Apple. Gli sfidanti saranno quindi Kindle e iPad, ai quali si era già provato a resistere producendo Nook, un e-reader alternativo legato personalmente alla catena Barnes & Noble. Ma quello che manca è la dimensione online, che consenta di mettere in circolazione e in vendita tutti quei libri che fino a ieri si vendevano in formato originale, quello cartaceo. Da qui il crescente interesse di Leonard Riggio, possibile acquirente del gruppo (fu il fondatore della catena e l'azionista di maggioranza di B & N), per rivenditori online di libri e e-book, ad oggi l'unica soluzione per rilanciare, anche con forma diversa, l'imponente catena libraria. L'anno scorso era stato acquistato il portale Fictionwise, uno dei più grossi e popolari rivenditori online del paese. Ma si tratta solo di un primo passo al quale si darà seguito con altre acquisizioni e un obbligatorio aggiornamento del dispositivo Nook, probabilmente meno evoluto (e con meno appeal) dei concorrenti. Ad oggi l'unica cosa certa rimane lo scompiglio generato tra analisti ed editori, che mai avrebbero immaginato un cambio di rotta tanto radicale da un gruppo tanto grande quanto radicato in Usa. (M.M. per NL)
06/08/2010 06:13
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.