Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA. Secondo Tribune Publishing è ostile l’opa di USA Today

Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.
Michael Ferro, presidente e maggiore azionista di Tribune, con il 16% di capitale, ha reso noto in settimana di non avere alcuna intenzione di vendere, e di volere invece comprare il gruppo di Gannett. Ferro ha dichiarato, in un’intervista al suo stesso giornale LA Times, che l’offerta ricevuta è “una manipolazione” e USA Today ha intenzione di “rubare” la sua società. L’opa lanciata da Gannet in termini di denaro è sostanziosa; la cifra proposta inizialmente era di 815 milioni di dollari in contanti, ovvero 12,25 dollari ad azione, il che vuol dire il 63% in più rispetto alla quotazione dei titoli in borsa. Dopo il rifiuto di Tribune, l’offerta è stata alzata a 15 dollari ad azione, valutando il gruppo 864 milioni di dollari, considerato che nel frattempo i titoli sono cresciuti fino a raggiungere una quota attorno ai 14 dollari. Ferro è arrivato in Tribune lo scorso anno, chiamato dall’ex ceo Jack Griffin, per investire nel gruppo editoriale e portare a buon fine un’acquisizione. L’imprenditore ha portato alla società 44,4 milioni di dollari, assicurandosi la maggioranza del capitale e anziché affidarsi a Griffin, lo ha cacciato nominando nuovo ceo Justin Dearborn. A questo punto ci si chiede che cosa accadrà, se Tribune dovesse decidere di respingere ancora una volta l’opa giudicata ostile. Le ipotesi sono due: da un lato un ulteriore incremento del prezzo da parte di Gannett, dall’altro lato è possibile che gli azionisti del Tribune citino il board perché non ha fatto gli interessi della società. Il fondo Oak Tree, che possiede il 14% delle azioni, attraverso il suo presidente John Frank, ha inviato una richiesta agli amministratori affinché si tratti con USA Today e ha definito Ferro “il Mago di Oz”, inoltre ha aggiunto che il presidente deve convincerli che Tribune da sola possa raggiungere, nel minor tempo possibile, il valore per gli azionisti ottenibile dalla transazione con Gannett. (A.P. per NL)
26/05/2016 13:59
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.