Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA. WSJ: cercare lettrici nella Grande Mela diventa una strategia
Il prossimo campo di battaglia per il magnate australiano Rupert Murdoch sarà la Grande Mela. Dal prossimo lunedì, infatti, arriverà nelle edicole newyorchesi l’edizione locale del Wall Street Journal, il cui principale obiettivo sarà quello di far tremare le basi assai solide sulle quali scorre l’attività del Times dei Sulzberger.
Certo non erano segrete le mire di Murdoch, ma sono in molti coloro che si sono chiesti il perché di questa ostinazione. Del resto, stando ai dati rilevati e diffusi dall’Audit bureau of circulation statunitense, il WSJ può contare su una diffusione media settimanale a pagamento di oltre 2milioni di copie, contro le 1,4 milioni del NYTimes. Il dato però si capovolge nel ristretto (si fa per dire) contesto newyorchese, dove le copie diffuse dal giornale di Murdoch sono poco meno di 300mila, contro le quasi 500mila della famiglia Sulzberger. Insomma, la guerra del tycoon contro il Times non si placherà mai. Anzi, ora che la battaglia si gioca sul campo migliore (New York) è bene che la famiglia proprietaria del Times si prepari al prepotente contrattacco di Newscorp. La strategia? La raccolta di pubblico femminile, percentuale ancora non determinante dei lettori del popolare quotidiano finanziario, ma destinata a crescere a cominciare proprio dal prossimo lunedì. E come dicono gli americani, to be continued, naturalmente. (M.M. per NL)
27/04/2010 17:08
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.