Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Elettrosmog, Abruzzo: le antenne restano a San Silvestro «Delocalizzazione forzosa», il Tar accoglie i ricorsi delle TV
«Le disattivazioni delle trasmittenti appaiono finalizzate al solo scopo di realizzare una delocalizzazione forzosa, senza alcun concordato piano di migrazione e senza siti alternativi realmente idonei allo scop.
"Chiare e lapidarie le parole dei giudici del Tar Abruzzo, sezione staccata di Pescara, che hanno accolto i ricorsi delle Emittenti televisive abruzzesi Trsp, Antenna 10, Tvq, Telemax, Tv6, Atv7, Rete 8 e Telemare contro il Comune di Pescara e la Regione Abruzzo, addebitando al Comune le spese di giudizio", ci fanno sapere in una nota congiunta le stazioni abruzzesi. L'amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi A. Mascia, in particolare, chiedeva la disattivazione degli impianti fissi di radiodiffusione siti in località San Silvestro Colle di Pescara. Nel frattempo, al Tavolo tecnico istituito dalla Regione Abruzzo, la stessa Regione insisteva sulla fattibilità della delocalizzazione a mare nella piattaforma off-shore denominata “Francavilla” di proprietà privata Posidonia S.r.l. o nei 128 siti cosiddetti alternativi. «Il ricorso alla sanzione della disattivazione – ribadiscono i giudici – si pone quale forma di pressione per attuare una delocalizzazione forzosa, senza alcun piano di migrazione». Sulla non utilizzabilità della piattaforma off-shore, ribadita dagli Editori TV ad ogni seduta del Tavolo tecnico, i giudici scrivono: «La delibera di Giunta Regionale n. 694/2010 aveva già preso in considerazione la fattibilità di un nuovo sito sulla “piattaforma marina Francavilla”, rimasto del tutto nominale; l’Agcom, in considerazione della non operatività di tale piattaforma, ha sostenuto il necessario utilizzo dei siti già occupati, reinserendo S. Silvestro nell’elenco 2013». Nella sentenza, i giudici del Tar si esprimono anche in merito al paventato inquinamento elettromagnetico, sottolineando che il Comune di Pescara non ha tenuto conto della relazione tecnica 2012 dell'Arta che attesta il rispetto dei limiti e dei valori di emissione. «Le disattivazioni – scrivono i giudici del Tar - sono state attuate ignorandosi i provvedimenti ministeriali di assegnazione per l’uso della tecnica digitale terrestre, col decisivo abbattimento delle stesse emissioni elettromagnetiche che fanno venire meno gli ipotizzati effetti nocivi sugli abitanti della zona». Gli Editori ribadiscono, dunque, la propria legittimità a trasmettere dal sito di San Silvestro, come riconosciuto anche dal Tar: «Non siamo abusivi e non inquiniamo. Confidiamo che, alla luce di questa sentenza, i residenti di San Silvestro possano sospendere finalmente lo sciopero della fame e ogni forma di protesta». (E.G. per NL)
26/07/2013 15:05
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Tutto da rifare per il sito radioelettrico di San Silvestro, sulle alture di Pescara, postazione strategica per il servizio cittadino da decenni al centro di un braccio di ferro giudiziario e politico coi residenti che vogliono la delocalizzazione delle antenne.
Con sentenza depostata nello scorso mese di giugno Consiglio di Stato ha riconosciuto validi alcuni limiti fissati dai regolamenti comunali per l’utilizzo di siti già oggetto di insediamenti radioelettrici.