Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Emittenza locale, stato di crisi dichiarato dalla Regione Sardegna
Tavolo di confronto per la valutazione delle misure di intervento  con il Sindacato dei Giornalisti, le altre organizzazioni dei lavoratori e le imprese.
La Regione Sarda apre formalmente un tavolo di crisi per far fronte alle difficoltà del sistema televisivo regionale. La Giunta Regionale ha decretato lo stato di crisi del settore nell’isola e ha dato mandato all’Assessore al Lavoro Franco Manca di presiedere il tavolo con l’obiettivo “di predisporre un organico”, con “un programma di interventi, anche finanziari” che consentano di “superare l’attuale stato di difficoltà” a sostenere l’occupazione nelle emittenti televisive. Già a dicembre la Regione Sarda aveva accertato la “pesante riduzione dei fatturati” legata al calo di entrate pubblicitarie “e anche alla più generale situazione di crisi economica”, dopo l’allarme per il pluralismo e l’occupazione giornalistica lanciato dall’Associazione Stampa Sarda.  In alcune televisioni locali (a Olbia e a Sassari) è già stato necessario ricorrere a negoziati e intese per introdurre ammortizzatori sociali, allo scopo di evitare repentine chiusure dell’attività. Soffrono di più le Tv di territorio ma, dopo il definitivo assestamento del digitale terrestre e l’occupazione delle frequenze da parte di soggetti commerciali nazionali sbarcati anche con sigle territoriali, la torta pubblicitaria, risorsa principale del sistema, è aggredita anche da operatori che poco o nulla hanno a che vedere con il pluralismo dell’informazione ma competono sul terreno economico. Le conseguenze più critiche sono per le televisioni locali che hanno puntato sull’informazione e che trovano difficoltà a sostenere una adeguata organizzazione editoriale.  Con le misure decise dalla Regione Sardegna, il tavolo negoziale che si potrà aprire ora con l’Assessore al Lavoro sarà volto a valutare, nel confronto anche con il sistema delle imprese e con i Sindacati (in prima fila quello dei giornalisti), le reali criticità aziendali e la misura degli interventi di sostegno che, in primo luogo, dovranno essere rivolte a salvaguardare l’occupazione professionale. (FNSI)
 
 
25/02/2011 07:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.