Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Estesa la copertura radio nelle gallerie dell’Alto Adige
Aumenta la sicurezza nei tunnel superiori ai cinquecento metri

Conformemente alle direttive europee, in tutte le gallerie di lunghezza superiore ai cinquecento metri situate sulle principali direttrici di traffico dell’Alto Adige è oggi possibile chiamare i numeri d’emergenza e ricevere informazioni sul traffico via radio. Sono stati portati a termine, infatti, i lavori di ampliamento dei sistemi di radiocomunicazione, finanziati nel corso dello scorso anno, che consentono di chiamare da quei tunnel i numeri 115, 118 e 113 ed il Servizio strade. Inoltre, è possibile essere raggiunti da Ras, Sender Bozen e altre emittenti private grazie all’istallazione di quattro trasmettitori, che diventano otto nelle gallerie di San Giacomo e della Me-Bo. L’ampliamento della rete radio è stata realizzata grazie all’intervento di una pluralità di soggetti, tra i quali le Ripartizioni Informatica, il Servizio strade e la Protezione civile della Provincia Alto Adige. E’ stato significativo anche l’intervento dell’Autobrennero Spa per i tunnel sulla A22, nonché il coinvolgimento delle emittenti private, dei servizi di pubblica utilità e dei gestori di telefonia mobile. Come ha sottolineato il responsabile della protezione civile provinciale, Luis Durnwalder, “la buona collaborazione assicurata dagli enti e dagli uffici coinvolti, sia da parte della Provincia che dell’Autobrennero Spa, è fondamentale perché stiamo parlando di una tipologia di intervento che riguarda la sicurezza dell’utente sulle strade molto trafficate”. “E’ proprio grazie ad un’informazione tempestiva e sicura - aggiunge Durnwalder - che si possono evitare ulteriori incidenti o gravi situazioni”. Ricordiamo che l’ampliamento delle misure di sicurezza delle gallerie stradali basato, tra le altre cose, sui sistemi di radiocomunicazione, è stato fortemente incentivato anche dalla drammatica esperienza degli incendi nei tunnel del Monte Bianco e dei Tauri nel 1999 e del San Gottardo nel 2001. (Mara Clemente per NL)

13/02/2007 12:55