Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Europa 7 (la tv fantasma) non ne vuole proprio sapere del canale VHF 8 ed ha impugnato al TAR l'assegnazione. Ma ieri...
Chi si aspettava la partenza delle sospiratissime trasmissioni di Europa 7, la tv che non c'é e che per esserci ha mobilitato tutti gli organi giurisdizionali possibili, probabilmente dovrà attendere ancora.  Centro Europa 7′ (la società editrice) si è rivolta al TAR del Lazio per chiedere la sospensione prima, e il successivo annullamento in sede di giudizio di merito, del decreto ministeriale con il quale l’11 dicembre scorso, assegnando le frequenze televisive, ne ha affidato alla società una sola (il canale VHF 8), anche se in esclusiva (caso unico in Italia). Il ricorso dell'editore Di Stefano, che dovrebbe obbligatoriamente avviare le trasmissione entro luglio, si fonda sull'assunto che l'assegnazione di una sola frequenza televisiva sarebbe insufficiente ad assicurare la copertura dell’80% del territorio nazionale e dei capoluoghi di provincia così come richiesto dalla normativa. Così ieri, davanti alla III sezione Ter del tribunale amministrativo è arrivata la questione in discussione. Tuttavia, come spiega un lancio ANSA, tutto si è risolto in un rinvio tecnico dell’udienza. “Abbiamo scoperto - ha detto un legale di Europa 7, Ottavio Grandinetti - che il nostro consulente, la società Irte, incaricata di sostenere tecnicamente l’insufficiente copertura territoriale in relazione alle frequenze assegnate, ha redatto una perizia sulla stessa questione su incarico del ministero nostro concorrente in giudizio. Il rinvio accordato dai giudici ci consentirà di venire a capo della vicenda e valutare il da farsi”. E pensare che ci sarebbero emittenti che venderebbero l'anima al diavolo pur d'avere la frequenza che Di Stefano snobba.  "Avevamo vinto una Ferrari con una frequenza che copriva l'80% del territorio. Ora ci danno una bicicletta", si era lamentato Di Stefano all'indomani del caval donato.
06/03/2009 06:16
 
NOTIZIE CORRELATE
Sulle vicende di Europa 7, rete nazionale comparsa dal nulla nel 1999, quando ottenne il titolo concessorio - caso unico in Italia - in assenza di frequenze su cui trasmettere (non essendo figlia del censimento del 1990), ci siamo a lunghi dibattuti su queste pagine.
Il caso Europa 7 tiene ancora banco, almeno nelle aule giudiziarie. Se l'infatti il network romano sta vivendo una situazione difficilissima sul piano economico, con la rete di diffusione in default, la UE ha rilevato come il nostro paese non abbia ancora risolto la vicenda che la coinvolge da 15 anni.
Il Tribunale di Roma ha accolto la domanda di concordato preventivo presentata il 2 luglio scorso da Centro Europa 7, il network provider che veicola la "tv che non c'è" di Francescantonio Di Stefano.
Il DVB-T2? Ce lo chiedono gli italiani, le televisioni, il governo e anche l'Europa. Parafrasando dichiarazioni oggi di moda, potrebbe essere questo lo slogan della rediviva Europa 7, la tv che non c'era e sta sempre cercando di esserci.
La Lega Calcio di Serie B ha annunciato la definizione di un accordo con il Centro Tv Europa 7 per la messa in onda di Serie B Tv, canale ufficiale della Lega sulla piattaforma Europa 7 Hd per le prossime tre stagioni sportive.