Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
European Communications Office: prosegue il cammino digitale della radio
In previsione del prossimo incontro previsto a Stoccarda il 15 dicembre, il comitato FM45 dello European Communications Office, che sta lavorando sulla radio digitale e sulla digitalizzazione della banda ora occupata dall'FM analogica, diffonde il consueto kit di documentazione per i partecipanti alla riunione.

La notizia, come sempre, proviene da Andrea Lawendel che l'aveva rilanciata sul suo Radio Passioni. "Insieme ad alcuni documenti recenti e meno aggiornati dell'UNESCO dedicati al ruolo dei broadcaster pubblici (il manuale più recente è del 2009 e riguarda i modi per incoraggiare e gestire gli user generated content), ho trovato un report pubblicato dal Radio Spectrum Policy Group, un gruppo di consulenti di alto livello che affianca la Commissione Europea nelle decisioni in materia di gestione dello spettro delle radiofrequenze", scrive il giornalista-blogger. "La pubblicazione è intitolata Report on the future of radio broadcasting in Europe ed è seguito da un allegato con le risposte a un questionario sottoposto a tutte le amministrazioni locali. Vengono riportati tutti i punti di vista, quello dell'Italia incluso (non ci sono particolari novità, solo una conferma dei piani di rilancio del DAB e la presentazione delle decisioni di AGCOM). Viene anche pubblicata la bozza di revisione del rapporto ECC 141 sulla possibile digitalizzazione della Banda II delle VHF, oggi occupata dall'FM. Gli standard presi in considerzione sono i soliti DRM+ e HD-Radio e il finora sconosciuto RAVIS russo. Della revisione è incaricata un comitato speciale che si è riunito a Londra a fine novembre. Tra i partecipanti anche l'italiano Hans Wolter di Club DAB. Come sempre i documenti si possono prelevare (ad eccezione di quelli preparati dall'RSPG, disponibili anche sul sito di questo gruppo) dal sito ECO".

10/12/2010 21:51
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.