Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Facebook: continua la crescita degli utenti. Ma anche dei dubbi sugli effetti diretti ed indiretti della presenza sul social network più famoso
Anno d’oro questo 2010 che si sta chiudendo per Facebook: il suo fondatore Mark Zuckerberger è stato eletto “uomo dell’anno” dal Time.
Ma soprattutto sono i numeri da capogiro che decretano il successo di questo social network : 500 milioni di iscritti, di cui 16 milioni sono in Italia; milioni di persone che aggiornano il proprio status quotidianamente, ecc. ecc. Eppure, paradossalmente, secondo alcuni c’è pericolo di crisi, di fuga di utenti. Facebook è diventato il “passatempo” preferito da molti, anche durante le ore di ufficio; ed ecco che le aziende corrono ai ripari installando programmi che lo oscurino. C’è già chi parla di dipendenza ( come è stato, e tuttora è, anche per il cellulare … Beati i tempi quando Fantozzi era solo videodipendente …). Si dice che Facebook sia disumano, che banalizzi il concetto di “amicizia”. Sarà. Ma le aziende, e questa è una notizia controcorrente rispetto a quanto detto, fanno sempre più uso di social network come Facebook. Per scoprire i “lati oscuri” del candidato ad un colloquio di lavoro, quei dati che un curriculum neutro non può rivelarti. Una puntatina sul profilo del prossimo impiegato da assumere farà scoprire a chi è addetto alla selezione del personale, gusti, tendenze, scelte politiche e sessuali, religiose e sportive del candidato Una vera “soffiata”, quindi. E addio alla privacy. Questo fa nascere, d’altro canto, anche una maggiore consapevolezza, un’attenzione nuova da parte degli utenti nella scelta di ciò che si vuole rendere di pubblico dominio. Insomma : si può essere schiavi di internet, vittime del pc, ma anche protagonisti consapevoli. (A.V. per NL)
 
28/12/2010 17:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.