Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Finelco sempre più internet oriented. Il primo gruppo radio italiano ad aver creduto nel mobile streaming, punta ora sulle Web Tv
Dopo aver intrapreso con convinzione la strada della radio digitale su smartphone (iPhone) e aver lanciato le Web Tv di Radio 105, RMC e Virgin, Finelco presenta MyTv: "La tv di chi vuol mettersi in mostra".
"Come protagonista, come regista, come giornalista. Non c’è infatti limite alle possibilità offerte da questa televisione realizzata proprio dagli utenti. Basta una videocamera e qualcosa di interessante da comunicare", recita la presentazione della nuova web tv con al centro l'utente. "Può trattarsi delle immagini delle più belle località visitate, delle riprese di ricorrenze ed eventi come feste, compleanni, matrimoni. Ma c’è spazio anche per reportage su fatti di cronaca e di attualità di cui si è stati testimoni o su cui si vuol sensibilizzare il pubblico, magari per far conoscere e denunciare casi di degrado cittadino ignorati dai media", precisano da Largo Donegani. "Cronaca, viaggi, attualità e non solo: My Tv è la televisione che dà spazio a momenti di show e di intrattenimento o creati direttamente dagli utenti. Video dedicati a situazioni divertenti e a momenti buffi e spontanei, catturati dalla propria videocamera. Se poi si pensa di possedere un talento meritevole di emergere nel campo dello spettacolo, allora è proprio il caso di realizzare il video che lo metta in mostra: cantanti, comici, barzellettieri, imitatori, ballerini… My Tv attende i vostri contributi. Perché My Tv è lo spazio per chi ha qualcosa da dire e da mostrare e ha deciso di non subire passivamente la televisione, ma diventarne protagonista". "Caricare il proprio filmato è semplice: basta realizzare un video della durata massimi di 15 minuti e seguire le semplici istruzioni (carica il tuo video)", rassicurano quelli di Finelco (società partecipata da RCS che ha Alberto Hazan quale socio di spicco), che rimarca le regole base per il caricamento delle autoproduzioni: "I video delle vostre esibizioni canore e artistiche devono proporre esclusivamente contenuti originali. Quindi non si possono usare come sottofondo musicale o come base audio brani musicali già editi; Le riprese effettuate in ambienti al chiuso (feste, cerimonie, matrimoni, o semplici momenti ripresi in privato), se coinvolgono altre persone, oltre all¹autore del video, devono essere corredate da liberatoria, con la quale ciascuno dei soggetti ripresi concede l'autorizzazione all'uso della propria immagine; I video effettuati in esterna (strade, piazze, pubbliche manifestazioni), se non riguardano il diritto di cronaca (documentazione di eventi o fatti di rilevanza pubblica) devono essere preceduti da segnalazione che si stanno effettuando delle riprese (basta un semplice cartello che lo segnali); Nei video che riportano pareri e opinioni di più persone i volti di coloro i quali non abbiano dato autorizzazione per l'uso della propria immagine vanno oscurati e le loro voci vanno distorte; È proibita la pubblicazione di video in cui siano presenti minorenni senza la liberatoria firmata dai genitori; È proibita la pubblicazione di video che contengono materiale in contrasto con la pubblica decenza, l¹ordine pubblico e tutte le norme relative in materia civile e penale”
20/01/2010 22:24
 

My: mypacco!

spero Finelco si renda conto che MyTv è il centoquarantamillesimo portale che permette di postare i propri video, senza contare che le esperienze infelicissime di FLUX, OneMinuteTv e altre tv di quel genere insegnano che ogni portale orizzontale aperto ai video-contributi liberi degli utenti si sovrappone senza successo a YOUTUBE che resta il vero re del genere...

Ancora su My Pacco

Vero è che il progetto di Finelco ha ben poco di innovativo, ma dire che nel 2010 YouTube sia il "vero re del genere" lo trovo comunque esagerato. YouTube è probabilmente ancora il più affollato, ma di alternative valide e molto più interessanti ce ne sono a decine sul web. Quanto alla web tv di Finelco si vede molto bene, non c'è dubbio, ma è un risultato ottenuto troppo tardi rispetto ai concorrenti a livello nazionale. A meno che l'interesse non sia quello di far crescere ancora di più le community online di 105, Virgin e RMC e dare un valore anche ai rispettivi siti/portali, ormai settori fondamentali (anche commercialmente) di un azienda radiofonica.
NOTIZIE CORRELATE
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Il polo radiofonico del Biscione, RadioMediaset (che controlla le emittenti nazionali R101, Radio 105, Virgin Radio e GBR-Orbital), ha deciso di puntare soprattutto sulla rete principale, Radio 105, operando investimenti captive in promozione ed importanti travasi frequenziali.
Radio Rcs di Serradifalco (Caltanisetta), stazione nata nel 1979 e diretta da Calogero Lauricella, ha chiuso i battenti. La frequenza 98.300 MHz da Monte Calvario è infatti stata ceduta nei giorni scorsi a RMC. (R.R. per NL)

"RadioMediaset, alla prima rilevazione dopo il suo debutto nel mondo delle radio, si conferma Gruppo radiofonico leader. Lo attesta l’analisi disponibile oggi dei quarti d’ora riferiti al I semestre 2016 confrontato con il pari periodo del 2015 (RadioMonitor)".
Mediaset continua l'organizzazione del proprio polo radiofonico (Radio Mediaset), cui fanno riferimento a livello proprietario le radio di Finelco Radio 105 e Virgin (RMC è rimasta ad Alberto Hazan, che però ha affidato la gestione commerciale al Biscione), che si aggiungono alla già controllata R 101 ed al relay nazionale della portoghese Radio Orbital (ex Voice of America attraverso la società GBR spa).