Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
FNSI: Milleproroghe cancella 50 mln da Fondo editoria e 45 dal fondo emittenza locale. Fatto gravissimo, schiaffo a Parlamento e a democrazia
"Abbiamo appreso che il Governo, il giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di stabilità 2011, con il decreto 'Milleproroghe' ha cancellato 50 milioni dal Fondo editoria e 45 milioni dal fondo per il sostegno all'emittenza locale, cancellando di fatto quanto previsto dalla legge di stabilità".
Lo dice la Fnsi che parla di "fatto gravissimo che rappresenta uno schiaffo al Parlamento ed alla democrazia e mina dalle fondamenta la credibilità dello Stato e del Paese" e preannuncia una riunione di emergenza il 29 dicembre. "Tornano a rischio - spiega l'ente portatore di interessi diffusi - oltre 4000 posti di lavoro, oltre novanta testate giornalistiche e molte decine di emittenti locali con la perdita di numerosi altri posti di lavoro. Non si può giocare così sulla testa di migliaia di lavoratori, tra l'altro, in un settore così delicato per la democrazia del Paese. Le risorse del 5 per mille vanno giustamente trovate ed i modi possono essere certamente individuati. E' incomprensibile che lo si faccia colpendo l'editoria che sta attraversando una fase di grande difficoltà e con il rischio della chiusura di tante testate anche storiche e di grande valore culturale. Per questo motivo è stato convocato il "Comitato per la difesa della libertà ed il diritto all'informazione" (che rappresenta associazioni, sindacati e movimento della società civile) per il prossimo 29 dicembre alle ore 11 presso la sede della FNSI per assumere tutte le iniziative necessarie, anche clamorose, per porre riparo - conclude - a tale inconcepibile decisione e ripristinare la volontà del Parlamento".
24/12/2010 08:45
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.