Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Formare con il cinema. Questioni di teoria e di metodo
C'è stato un tempo in cui, quando nelle aule di formazione si parlava di cinema, ci si riferiva a video didattici istruttivi ma poco coinvolgenti o, quando ce n'era il tempo, a proiezioni di film a fini di intrattenimento (il più delle volte per alleviare le lunghe e noiose serate dei corsi residenziali).
Poi, verso la fine degli anni '70, alcuni formatori hanno iniziato a scoprire e sperimentare nuovi utilizzi del cinema e del linguaggio cinematografico. Da allora la comunità professionale dei formatori ha registrato una diffusione crescente di metodologie e pratiche che del mezzo filmico hanno saputo valorizzare le grandi potenzialità espressive e di attivazione dei processi di apprendimento. Oggi saper "formare con il cinema" è parte rilevante del bagaglio professionale dei formatori e motivo di confronto e aggiornamento continuo, nell'ambito di convegni, workshop e di un festival specializzato - il ForFilmFest - che AIF promuove ogni anno a novembre con la collaborazione della Cineteca di Bologna. Il panorama attuale dell'uso del cinema nella formazione - come dimostra "Formare con il cinema - Questioni di teoria e di metodo" a cura di Sergio Di Giorgi (formatore e consulente indipendente) e Dario Forti (piscologo e formatore), cui ha contribuito gran parte dei formatori italiani protagonisti di questo ambito metodologico - presenta una gamma molto ampia e diversificata di esperienze, che vanno dal proporre opere di particolare rilievo per un approfondimento analitico degli aspetti linguistici, culturali o psicologici, alla produzione di nuove forme narrrative - come il "blob" - che fanno del formatore un meta-autore, fino all'utilizzo didattico di singoli spezzoni isolati all'interno di un film in modo da esemplificare atteggiamenti e comportamenti da stigmatizzare o, al contrario, cercare di mettere in pratica nelle situazioni organizzative vissute dai partecipanti ai corsi di formazione. I contributi al volume sviluppano sia gli aspetti teorici - in termini di epistemologia della fruizione delle immagini cinematografiche - che quelli metodologici relativi alle modalità di utilizzo dell'archivio del cinema, piuttosto che alle possibilità di sfruttare, in una prospettiva narrativa autonoma e originale, le soluzioni cross-mediali offerte dalle nuove tecnologie della rete. Edito da Franco Angeli (www.francoangeli.it) il testo è in vendita ad euro 36,00. (M.L. per NL)
10/01/2012 17:19
 
NOTIZIE CORRELATE
L’Assemblea della Camera ha approvato definitivamente la nuova “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo”. La legge è stata approvata a Montecitorio il 3 novembre con 281 favorevoli, 97 contrari e 17 astenuti.
Moviemedia contesta i dati Nielsen. Relativa­mente agli andamenti dei fatturati pubblicitari del mese di gennaio 2016, la concessiona­ria afferma che il -8% attribuito al cinema non sia corretto.
Movie Media chiude il 2014 con una crescita del giro d’affari di circa il 5% rispetto al 2013 e rilancia il progetto di un’unica grande concessionaria nazionale dedicata alla raccolta pubblicitaria nei cinema.
Nel 2013 in Europa gli spettatori nelle sale cinematografiche sono stati 1.158,5 milioni, con un calo dell'1,8% rispetto ai 1.179,8 milioni del 2012.
Fiction: 235 milioni di euro. Cinema italiano: oltre 100 milioni. Nel biennio 2012-2013 Mediaset investirà soltanto nell'audiovisivo italiano, escluse le produzioni di intrattenimento, oltre 335 milioni di euro.