Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Fox News, la tv sgradita al governo USA
Erano mesi che Anita Dunn voleva dire la sua sul comportamento di Fox News. Così, il direttore delle comunicazioni alla Casa Bianca ha parlato molto chiaramente durante un’intervista rilasciata al New York Times.
Li tratteremo come un partito d’opposizione, poiché stano conducendo una guerra contro Barack Obama e non possiamo far finta di pensare che questo sia il comportamento legittimo di un organo d’informazione”. E' del resto chiaro che a Fox News, emittente gradita ai repubblicani e di proprietà del magnate australiano Rupert Murdoch, il nuovo presidente americano non va affatto a genio. Nulla di nuovo, del resto, se consideriamo il comportamento del network anche solo durante la campagna elettorale. Ma un limite c’è a tutto. Ed ora sembra che sia stato sorpassato. Invero non si capisce esattamente quale sia il motivo per sostenere questa “battaglia”, ad oltranza, contro Obama, ragion per cui sono stati in molti a rilevare con disappunto il comportamento della tv dello Squalo, chiedendo di contrattaccare al neo premio Nobel per la pace, onorificenza conferita ad Obama, non solo qualche giorno fa. E proprio quel tributo, assegnato certamente troppo presto e con una scia di polemiche, ha permesso a Letterman (CBS) e Leno (NBC) di scherzarci abbondantemente sopra. Ma questa è un’altra storia: loro non vanno in onda su Fox e sono sicuramente più apprezzati dai democratici. (Marco Menoncello per NL)
14/10/2009 05:32
 
NOTIZIE CORRELATE
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.