Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Frequenze tv: ira di Mediaset, salta incontro Berlusconi-Monti
Insorge Mediaset contro la decisione del governo di procedere a un'asta per assegnare le frequenze tv. Il presidente Fedele Confalonieri parla di decisione "punitiva", e la polemica si trasferisce nel palazzo della politica: salta l'incontro previsto per domani tra il premier Monti e Berlusconi.
Palazzo Grazioli ha confermato in una nota che il rinvio dell'incontro e' stato chiesto dal leader del Pdl "per non alimentare polemiche e per evitare o prevenire insinuazioni malevole su questioni inerenti le frequenze televisive". L'incontro "avra' luogo, in maniera piu' utile - si legge ancora nella nota - quando sara' completata la valutazione che lo stesso presidente Berlusconi sta compiendo, insieme agli organi statutari e agli esperti del Popolo della liberta', sui provvedimenti fiscali, su quelli che riguardano la casa e sulle misure per la crescita che il governo si accinge a varare". Sulla questione, come detto, e' intervenuto direttamente Confalonieri, secondo cui la decisione del governo "e' una questione politica e non tecnica. Si e' mossi da qualcosa di punitivo". Per Confalonieri il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha sbagliato: "Sembra di essere tornati ai tempi di Gentiloni ministro. Di Passera ho un'eccellente opinione ma si dice che anche i preti sbagliano a dire messa e qui Passera ha sbagliato". Secondo il presidente di Mediaset l'asta esclude sia l'azienda del Biscione che la Rai poiche' si pone il tetto di cinque multiplex "che ci blocca - ha sottolineato -, mentre i due concorrenti che hanno entrature politiche o sono visti meglio perche' parlano inglese possono partecipare". Il riferimento e' a Sky e a La7: "Stando a quel che si legge potrebbero partecipare solo loro. Su Sky non diamo giudizi ma avete visto cosa e' successo in Inghilterra, mentre La7 ha frequenze sui telefoni, e' di la' e di qua". Risultato, "ci hanno escluso, noi e la Rai, inutile girarci intorno". "Quando ci diedero le frequenze non ci regalarono nulla - attacca Confalonieri - fa comodo politicamente dire che e' stato un regalo a Berlusconi ma e' un'invenzione. La parola gratis e' frutto di una campagna ossessiva, martellante, maniacale e disonesta, ma le frequenze sono un nostro diritto acquisito nei decenni. Non ci sono aste per le frequenze tv in giro per il mondo. Altrove gli Stati le davano gratis". Bloccare Rai e Mediaset significa bloccare "aziende che investono in tecnologia e contenuti". Intanto il Foglio nella sua edizione on line titola "Berlusconi annulla l'incontro con Monti" e scrive: "la motivazione (ufficiosa): il Cav. non vuole che si pensi che lui sarebbe andato a parlare di frequenze tv". "Grande errore - e' il commento di Giuliano Ferrara su Twitter - Il Cav. dovrebbe vedere Monti una volta alla settimana e parlare di unita' nazionale, agenda 2013". Piu' tardi, si legge sempre sul sito, e domani nel Foglio "altri dettagli e notizie (e suggerimenti al Cav)". (AGI)
 
 
18/04/2012 20:15
 

Le balle di Confalonieri...

"...le frequenze sono un nostro diritto acquisito nei decenni", queste sono balle! Ci sono emittenti locali che solcano le onde dell'etere da ben prima del gruppo Mediaset e qual è il risultato? Che diritti non ne hanno! Caro Confalonieri, puoi raccontarla a qualche sprovveduto che ancora insiste nel guardare la spazzatura che mandate in onda....
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.